Pensione quota 100 e diritti acquisiti: la paura del governo Draghi

Lorenzo Rubini

17 Febbraio 2021 - 09:14

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Moltissimi sono i lavoratori che dovendo accedere alla pensione quota 100 sono preoccupati di quello che potrebbe accadere con il governo Draghi.

Pensione quota 100 e diritti acquisiti: la paura del governo Draghi

La paura di moltissimi lavoratori è quella che il nuovo governo Draghi possa, in qualche modo cancellare la pensione con la quota 100 prima della sua naturale scadenza alla fine del 2021. Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Salve il 10 febbraio ho compiuto 62 anni e versato 38 anni di contributi. In giugno dovrei essere già in pensione. Se dovessero tirare via quota 100 rientro nei diritti acquisiti o se mi licenziano perdo lavoro e pensione grazie”.

Pensione quota 100 e governo Draghi

Anche se molti media hanno gridato all’allarme, il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi, non ha mai affermato di voler cancellare la quota 100 prima della scadenza.

Sicuramente non rinnoverà la misura oltre il 2021, come era già nella intenzioni del precedente governo per i costi molto alti che prevede per le casse statali e, quindi, la cancellazione di cui si dovrebbe parlare è solo quella riferita alla scadenza fissata al 31 dicembre 2021.

Difficilmente, infatti, una misura a scadenza può venire cancellata di punto in bianco e proprio per questo motivo si ritiene che le preoccupazioni che stanno emergendo nelle ultime settimane debbano essere considerate infondate. Come già il governo Conte, infatti, anche il Governo Draghi dovrà occuparsi della riforma previdenziale ma solo per trovare una misura flessibile che permetta di non incappare nello scalone che la scadenza della quota 100 verrebbe e creare.

Nel suo caso, poi, avendo raggiunto i requisiti e dovendo attendere soltanto la finestra per la decorrenza della pensione, potrebbe presentare domanda di quiescenza fin da subito senza preoccupazione visto che una, improbabile, cancellazione della misura non potrebbe avere effetti retroattivi e impedire il pensionamento a chi il diritto lo ha già raggiunto e, quindi, cristallizzato.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories