Virgo - The Transparency Blog

Virgo - The Transparency Blog

di Davide Baldi

Quanti sono i crypto trader in Europa?

Davide Baldi

11 aprile 2024

Quanti sono i crypto trader in Europa?

Ci sono 1,5 milioni di trader crypto attivi quotidianamente in Europa che operano in maniera responsabile e regolamentato.

Bitget Research, l’istituto di ricerca della società exchange di criptovalute e Web3, ha pubblicato un rapporto che analizza la struttura e il panorama attuale dei mercati delle criptovalute dell’Europa occidentale.

Questa parte del continente presenta caratteristiche quali grandi volumi di scambio di criptovalute, alti livelli di attività della DeFi, un approccio responsabile e regolamentato e un uso relativamente basso del trading P2P.

Questi gli aspetti salienti del report

  • Il numero di trader locali giornalieri di criptovalute varia da 1,2 a 1,5 milioni.
  • Germania e Francia sono in testa in termini di attività di trading di criptovalute.
  • L’Austria ha registrato la crescita più rapida di trader di criptovalute tra dicembre 2022 e dicembre 2023, con un aumento del 70% degli utenti.
  • Gli utenti dell’Europa occidentale sono generalmente ben istruiti e attenti al rischio nei loro investimenti in criptovalute.
  • La strategia di trading locale prevede tipicamente una combinazione di contratti e trading a pronti e investimenti in asset tradizionali.
  • Gli utenti regionali dimostrano un’elevata partecipazione a progetti decentralizzati, NFT e piattaforme Web3, e un impegno attivo in ecosistemi di blockchain popolari come Solana.
  • L’utilizzo di DeFi costituisce la maggior parte dell’attività di criptovaluta in Europa occidentale, mentre i volumi di trading P2P rimangono notevolmente bassi.
    I Paesi dell’Europa occidentale, caratterizzati da economie sviluppate e alti livelli di istruzione generale, sono tra le regioni con la più alta adozione di criptovalute a livello globale.

L’importanza dell’Europa occidentale nel settore delle criptovalute continua a crescere, come dimostra la partecipazione giornaliera agli scambi centralizzati e decentralizzati che va da 1,2 a 1,5 milioni di individui.

Mentre la Germania e la Francia sono in testa ai livelli di attività, l’Austria ha registrato la più rapida crescita annuale di trader di criptovalute, con un notevole aumento del 70% degli utenti.

La Germania segue a ruota con un aumento del 69%, mentre gli altri Paesi dell’Europa occidentale hanno registrato tassi di crescita più lenti, compresi tra il 15% e il 20%.

Nel complesso, l’attività delle criptovalute in Europa occidentale beneficia di un livello di conformità più chiaro rispetto ad altre regioni, con Paesi come Germania, Svizzera, Belgio, Francia, Austria, Liechtenstein, Lussemburgo e Paesi Bassi che aderiscono al quadro legislativo stabilito dall’Unione Europea per la regolamentazione degli asset crittografici.

Prevalgono gli exchange decentralizzati e il trading spot

Analizzando le tendenze del mercato locale e le preferenze in termini di strumenti di trading, è stato osservato che gli utenti di Germania, Svizzera e Paesi Bassi mostrano una preferenza per il trading di futures, mentre gli altri Paesi propendono per il trading spot.

Per quanto riguarda il trading di criptovalute, la maggior parte degli utenti dell’Europa occidentale mostra un’inclinazione verso gli exchange centralizzati, con il traffico di CEX che supera di 10 volte quello di DEX.

Tra gli utenti che optano per le piattaforme decentralizzate, PancakeSwap e Uniswap emergono come gli exchange più popolari. Inoltre, Coinbase Wallet, Metamask, Bitget Wallet e TrustWallet sono i portafogli di criptovalute più utilizzati negli otto Paesi.

Nell’ultimo anno, il traffico complessivo verso gli exchange centralizzati da parte degli utenti dell’Europa occidentale ha mostrato una significativa tendenza all’aumento, soprattutto in Germania, Svizzera e Polonia.

La Germania e la Svizzera hanno registrato un aumento di oltre il 50% rispetto all’anno precedente, mentre la Polonia ha registrato un tasso di crescita del 145%.

Tuttavia, la crescita in Francia e Belgio non è stata altrettanto pronunciata, con il Belgio che ha addirittura registrato un calo del 6,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’uso del DeFi costituisce la maggior parte dell’attività delle criptovalute in Europa occidentale, mentre i volumi di scambio P2P rimangono notevolmente bassi.

Uno dei motivi della limitata adozione del P2P di criptovalute nella regione è la pratica prevalente di acquistare asset digitali utilizzando depositi fiat o carte collegate.

Al contrario, regioni come il Sud-est asiatico vedono nei trasferimenti P2P lo strumento principale per il trading di criptovalute, data la minore diffusione dei depositi con carta.

Scelta degli asset e argomenti di tendenza in Europa occidentale

Tra i settori e i progetti più popolari, gli utenti regionali dimostrano un’elevata partecipazione ai progetti decentralizzati, una certa familiarità con gli strumenti DEX e il trading, con gli NFT e le piattaforme Web3, e un impegno attivo in ecosistemi di catene popolari come Solana.

In termini di scelta degli asset, le criptovalute emergenti come Ordinals, NFTs, RWAs, DePin, l’ecosistema Solana e le meme coins hanno raccolto un’attenzione significativa tra i trader dell’Europa occidentale dall’inizio dell’anno.

Secondo i dati del mercato dell’Europa occidentale, gli argomenti di tendenza e le monete preferite includono una crescita significativa dell’ecosistema Solana, guidata da lanci di token e airdrop, nonché un maggiore interesse per Manta Network e Ondo Finance.

Inoltre, c’è un’attenzione sostenuta sulle catene di secondo e terzo livello come CRO, FTM e SUI, che suggerisce un impegno continuo nonostante le notizie minime o gli annunci importanti.

Comportamento dei trader di criptovalute dell’Europa occidentale

La ricerca realizzata da Bitget suggerisce che i partecipanti alle criptovalute nella regione possiedono in genere un elevato livello di istruzione, esercitano cautela e privilegiano gli investimenti a lungo termine.

Inoltre, una parte significativa degli utenti locali partecipa attivamente a forum online e offline, tra cui gli AMA (Ask Me Anything) della comunità, dove si scambiano informazioni sul mercato e discutono le tendenze del settore.

Gli utenti danno molta importanza alla legalità e si dimostrano molto interessati a rispettare le norme Know Your Customer (KYC) e antiriciclaggio (AML).

In termini di strategia, scelta degli strumenti di trading e delle piattaforme, i trader dell’Europa occidentale si dimostrano conservatori: esaminano attentamente le opzioni di mercato e, una volta scelte, tendono a essere utenti fedeli.

Sulla base dello studio completo, Bitget Research prevede le seguenti tendenze nel mercato dell’Europa occidentale per il 2024:

  • Germania e Francia rimarranno i centri nevralgici dell’attività delle criptovalute nella regione.
  • L’interesse degli utenti dell’Europa occidentale per le soluzioni on-chain, in particolare per le categorie NFT, DEX e giochi blockchain, continuerà a crescere. Due progetti blockchain gestiti da team dell’Europa occidentale guadagneranno la posizione di leader nei loro settori.
  • Gli exchange decentralizzati soddisferanno la crescente domanda di transazioni on-chain, mentre gli exchange centralizzati emergenti, che offrono un servizio clienti e caratteristiche della piattaforma superiori, potrebbero ottenere una nuova adozione tra gli utenti dell’Europa occidentale.
  • L’aumento dell’impegno nei progetti dell’ecosistema Solana favorirà i portafogli di criptovalute, che offrono un’integrazione tra diversi ecosistemi blockchain.

Davide Baldi

Amministratore e socio di Luxochain, esperto di blockchain

Altri blog

Rivoluzione Fintech

Rivoluzione Fintech

Di Stefano Tempera

Arcana impèrii

Arcana impèrii

Di Stefano Masa

Schermo Viola

Schermo Viola

Di Pasquale Borriello