Supplenti scuola: iscrizione terza fascia confermata nel 2020, anche senza abilitazione

Anche per il 2020 i supplenti della scuola potranno iscriversi nelle graduatorie di istituto di terza fascia senza abilitazione. Vediamo l’emendamento approvato e requisiti.

Supplenti scuola: iscrizione terza fascia confermata nel 2020, anche senza abilitazione

Coloro che vogliono diventare supplenti nella scuola nel 2020 avranno la possibilità di inserirsi nelle graduatorie d’istituto di terza fascia, anche senza abilitazione.

Nell’ambito del Decreto scuola che dovrebbe diventare legge entro fine anno, il 21 novembre le Commissioni Istruzione e lavoro hanno approvato l’emendamento per permettere a chi ne abbia i requisiti di iscriversi o aggiornare la posizione in terza fascia nelle graduatorie di istituto delle scuole secondarie.

La riapertura si prevede possa avvenire nella primavera del 2020 per l’anno scolastico 2020/2021 e la validità è triennale, fino al 2023.

L’apertura delle graduatorie di terza fascia è sempre circondata da un’estenuante attesa da parte degli aspiranti insegnanti che vogliono accedere da supplenti al mondo della scuola e fare una prima esperienza sul campo, consegnandosi però al limbo del precariato.

Vediamo cosa prevede l’emendamento approvato e quali sono i requisiti per i supplenti della scuola.

Supplenti scuola: l’emendamento per graduatorie di terza fascia

Per i supplenti o aspiranti tali è stato approvato l’emendamento per la riapertura delle iscrizioni alle graduatorie di terza fascia degli istituti scolastici di secondo grado, inserito nel Decreto scuola 2019 in fase di discussione e successiva approvazione. Ma cosa prevede l’emendamento?

Il Decreto scuola già di per sé sembra essere una vittoria per chi aspira a fare l’insegnante, anche se ancora non è legge esso prevede un concorso scuola ordinario e uno straordinario nel 2020 per l’inserimento di quasi 50mila docenti a partire dall’anno scolastico 2021/2022 a fronte degli abbondanti pensionamenti facilitati anche da Quota 100.

L’emendamento per le graduatorie di terza fascia intanto è stato approvato e prevede la riapertura della stessa nel 2020 con validità triennale. Anche questo emendamento prevede la possibilità di inserirsi senza abilitazione, requisito da sempre oggetto di discussione.

La riapertura per in nuovi inserimenti si basa sulla Legge 107/2015 dove all’articolo 1 comma 107 si prevede l’inserimento dei soli docenti in possesso dell’abilitazione a decorrere dell’anno scolastico 2016/2017.

Con la legge n.19/2017 però il termine è stato prorogato al 2019/2020. L’emendamento approvato il 21 novembre per la prossima apertura delle graduatorie di terza fascia fa slittare ancora il termine al 2022/2023 dando la possibilità quindi anche a coloro che non sono in possesso dell’abilitazione di iscriversi per diventare supplenti nella scuola.

Vediamo quali sono allora i requisiti per l’iscrizione nelle graduatorie di terza fascia per la scuola secondaria.

I requisiti per la terza fascia

Per diventare supplenti della scuola inserendosi nelle graduatorie di terza fascia degli istituti secondo l’emendamento approvato, come nei precedenti, bisogna avere specifici requisiti e non per forza l’abilitazione. Secondo la legge n.107/2015 possono inserirsi in terza fascia anche per la prossima apertura 2020:

  • i docenti che siano già inseriti e che possono far valere nuovi titoli, servizi conseguiti o anche cambiare provincia;
  • i docenti che siano in possesso di una laurea magistrale o a ciclo unico di vecchio ordinamento che dia accesso a una determinata classe di concorso e i 24 crediti formativi in materie antro-psico-pedagogiche e metodologie didattiche previste dal Decreto legislativo n.59/2017.
  • i laureati magistrale di nuovo inserimento che abbiano conseguito i 24 cfu.

Ricordiamo che secondo la legge i 24 cfu devono essere conseguiti nei quattro ambiti antro-psico-pedagogico e metodologie didattiche per la copertura di minimo tre ambiti su quattro.

Per fare un esempio si possono conseguire 6 crediti per ognuno dei quattro ambiti disciplinari (antropologia, psicologia, pedagogia e metodologie didattiche) oppure 9 crediti in pedagogia, 9 in psicologia e 6 in antropologia con altre possibili combinazioni.

Anche gli ITP, vale a dire gli insegnanti tecnico pratici in possesso di diploma che permette l’accesso alle classi di concorso corrispondenti devono avere i 24 cfu. Questi sono gli insegnanti di laboratori delle scuole secondarie.

Inoltre bisogna ricordare che per le graduatorie d’istituto di terza fascia ci si può iscrivere solo per gli istituti di una determinata provincia.

Intanto si attende la discussione e successiva votazione del Decreto scuola previste rispettivamente per il 25 e 26 novembre per essere sicuri che anche per il 2020 chi vuole diventare supplente nella scuola possa inserirsi in terza fascia. Per una guida dettagliata su come diventare supplenti rimandiamo a un articolo di Money.it.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Scuola

Argomenti:

Scuola Insegnanti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \