INPS, prestazioni a sostegno del reddito: ecco il nuovo modello di comunicazione SR163

Nuove modalità di comunicazione del codice IBAN per il pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito INPS.

Con il messaggio n. 1652 del 14 aprile 2016, l’INPS, rende disponibile dal 15 aprile 2016 nella sezione modulistica del sito, il nuovo modello «Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito» (SR163).
Il nuovo modello verrà utilizzato per segnalare eventuali variazioni delle modalità di pagamento o del codice Iban sia nel caso di una nuova domanda di prestazione a sostegno del reddito, sia nel caso di prestazione già in corso di pagamento.

Ecco tutte le novità, le prestazioni interessate, le finalità nonché la procedura per l’utilizzo del nuovo modello di comunicazione di pagamento.

Pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito INPS: le prestazioni interessate e finalità

Oggetto del nuovo modulo di comunicazione di pagamento sono le prestazioni a sostegno del reddito fornite dall’INPS.
Queste possono variare dai diversi sussidi a sostegno della disoccupazione (NASPI, ASDI, DIS-COLL, mobilità e cig) a tutti quei sostegni economici i cui destinatari principali sono le famiglie (assegni familiari, bonus bebè ecc.).
A seguito di attività di monitoraggio e di miglioramento della qualità dei sistemi di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito effettuata dall’INPS è emersa la necessità di aggiornare le informazioni inerenti le modalità di pagamento della modulistica per renderla conforme a quelle già utilizzate per le altre prestazioni come quelle pensionistiche.
L’obiettivo dell’INPS con questo nuovo modello di comunicazione, è quello di ridurre ogni eventuale rischio di pagamenti non dovuti, principalmente nel caso di conti intestati a persone diverse dai beneficiari delle prestazioni a sostegno del reddito.
Oltre all’indicazione del codice IBAN, l’istituto ha aggiunto l’inserimento di richieste di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito tramite: accredito su conto corrente bancario o postale, carta prepagata o libretto postale.

Pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito INPS: la procedura

Per l’utilizzo del modello di comunicazione di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito, l’INPS distingue due situazioni:

  • presentazione di una nuova domanda di prestazione a sostegno del reddito;
  • variazioni delle modalità di pagamento nel caso di prestazione già in corso di pagamento.

Nuova domanda di prestazione a sostegno del reddito

Nel caso di una nuova domanda di prestazione a sostegno del reddito il richiedente avente un istituto di credito di tipo tradizionale (fisico), dovrà compilare i campi che si riferiscono alla modalità di pagamento e, nel caso di accredito, anche i dati di riferimento dell’Agenzia o Filiale dell’Istituto di credito che effettua il pagamento. Inoltre deve essere indicato il codice IBAN con data, timbro e firma del funzionario del competente Ufficio postale o della Banca.
Se invece il richiedente usufruisce un istituto di credito online è sufficiente inviare il documento rilasciato online dove è possibile ricavare l’intestazione dell’Istituto di credito. In questo caso, chiaramente, non è necessaria la sottoscrizione da un funzionario della banca.
Per ciò che riguarda i metodi di invio si distiguono i seguenti:

  • mediante i servizi on-line resi disponibili dal sito dell’INPS riferiti alla specifica prestazione a sostegno del reddito di interesse;
  • scannerizzando ed inviando il modulo ed il documento d’identità alla casella PEC della sede Inps competente in caso di impedimenti tecnici;
  • scannerizzando ed inviando il modulo ed il documento d’identità alla casella istituzionale delle Prestazioni a sostegno del reddito della sede Inps competente per territorio, nel caso di mancanza di PEC;
  • consegnato in originale presso la Struttura Inps territorialmente competente nel caso di impedimento all’invio on-line.

Variazioni delle modalità di pagamento nel caso di prestazione già in corso di pagamento

Nel caso di una prestazione a sostegno del reddito già in corso di pagamento per chiedere l’eventuale variazione della modalità di pagamento o del codice IBAN, il richiedente dovrà utilizzare esclusivamente il modello SR163 da inviare all’Inps con le modalità sopra citate (PEC o posta elettronica ordinaria).
Anche in questo qui nel caso di impedimento all’invio on line, il modello può essere consegnato in originale presso la Struttura Inps territorialmente competente.

Argomenti:

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories