Aspi 2014, indennità di disoccupazione per i mesi di luglio e agosto ai precari della scuola: le istruzioni dell’Inps

Valentina Brazioli

17 Luglio 2014 - 13:18

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Aspi 2014, l’indennità di disoccupazione agli insegnanti precari spetta anche per le giornate dei mesi di luglio e agosto non lavorate e prive di retribuzione. Lo afferma l’Inps nel messaggio n. 6050/2014: ecco come funziona.

Aspi 2014, l’indennità di disoccupazione nata con la riforma Fornero spetta anche agli insegnanti precari: nello specifico, però, è intervenuta direttamente l’Inps con un apposito messaggio, nel quale si indica che ne hanno diritto anche per le giornate dei mesi di luglio e agosto non lavorate e non retribuite.

Il caso particolare dei prof precari

La comunicazione Inps si è resa necessaria a causa delle peculiarità che contraddistinguono da sempre il comparto scolastico. Il 30 giugno 2014, infatti, si sono concluse tutte le attività didattiche nel Paese ed è prassi consolidata che un consistente numero di docenti precari venga immesso in ruolo dal primo settembre dell’anno solare precedente mentre il relativo trattamento economico decorre solo dal primo settembre dell’anno in corso. Cosa significa? In pratica, ciò comporta che non vengano erogate le mensilità relative ai mesi di luglio e agosto. L’Inps, con il suo messaggio, ha chiarito che questo tipo di situazione è paragonabile a uno stato di disoccupazione, non potendo, infatti, imputare al lavoratore la responsabilità per la sua inattività.

Come verificare la sussistenza del requisito contributivo

All’interno di questa tematica, è emerso con forza il problema della mancanza di aggiornamenti dei dati Uniemens (la dichiarazione contributiva via web). In mancanza di questi dati, tuttavia, l’Istituto ha disposto che le strutture territoriali ricorrano alle buste paga degli insegnanti, sia per verificare la sussistenza del requisito contributivo, sia per calcolare l’importo e la durata della prestazione (Aspi o mini Aspi). In mancanza delle buste paga più recenti, la domanda di prestazione potrà essere accolta in forma provvisoria.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories