Classi di concorso 2017, nuova riforma in arrivo: le novità

Scuola, novità: in arrivo un decreto ministeriale che correggerà il 50% degli errori riscontrati nel regolamento delle classi di concorso. Lo ha confermato il MIUR.

Classi di concorso 2017: presto il Miur emanerà un decreto ministeriale con cui verranno corretti gli errori riscontrati dai sindacati nel DPR del 23 febbraio 2016.

Lo scorso anno le classi di concorso sono state riformate con il Decreto del Presidente della Repubblica n°19 del 23 febbraio. Successivamente, però, i sindacati hanno rilevato degli errori formali in almeno il 50% delle classi di concorso e per questo hanno chiesto una correzione tempestiva all’amministrazione.

Le loro richieste non sono state accolte dalla Giannini, mentre sembra che Valeria Fedeli, nuova Ministra dell’Istruzione, abbia già trovato una soluzione. Infatti, secondo le ultime anticipazioni riportate da OrizzonteScuola.it, sarebbe pronto un decreto ministeriale con cui verranno corretti gli errori formali.

Questi però non sono gli unici errori riscontrati dai sindacati nel nuovo regolamento delle classi di concorso. Infatti, tra le lacune rilevate c’è la mancanza di una disciplina transitoria per coloro che possiedono una laurea antecedente all’emanazione del DPR. Nel dettaglio, i sindacati chiedono che anche il loro titolo sia valido ai fini dell’iscrizione alla terza fascia delle Graduatorie d’Istituto e al TFA III Ciclo.

Per la riforma dell’impianto strutturale del regolamento sulle casse di concorso, però, bisognerà aspettare una legge ad hoc. Una modifica di questo genere, infatti, non può avvenire con un decreto ministeriale.

Dal Ministero dell’Istruzione assicurano che la riforma dell’impianto delle classi di concorso avverrà tramite una norma contenuta nella delega governativa che introdurrà nuove regole per il reclutamento insegnanti. Peccato però che l’approvazione di questa delega, inizialmente prevista per gennaio, sia slittata a data da destinarsi.

Per adesso, quindi, gli insegnanti dovranno “accontentarsi” della correzione degli errori formali. Il Miur ha comunicato ai sindacati di aver corretto la tabella A con le correzioni pervenute, ma per averne la certezza dovremo aspettare l’emanazione del suddetto decreto ministeriale.

Intanto, però, vediamo quali sono gli errori riscontrati dai sindacati nel regolamento delle classi di concorso e che il Miur “potrebbe” aver corretto.

Tabella A, nuove classi di concorso: denominazione, titoli di accesso e insegnamenti relativi
Clicca qui per scaricare la Tabella A con tutte le nuove classi di concorso così da scoprire quali sono i titoli richiesti per l’iscrizione alla terza fascia delle graduatorie d’istituto.

Classi di concorso 2017: quali errori devono essere corretti?

Come riportato da OrizzonteScuola.it, i sindacati hanno rilevato degli errori formali nel 50% delle classi di concorso. Il Miur dice di averli corretti, ma sarà veramente così? Ecco quali sono tutti gli errori riscontrati dal sindacato FLC CGIL:

Tabella A
  • Per tutti gli insegnamenti artistici sono stati omessi tra i titoli del nuovo ordinamento i diplomi accademici di secondo livello rilasciati dagli ISIA con particolare riferimento al design, alla grafica e alla comunicazione visiva
  • A-03: Per LS-62 Scienze chimiche è indicata la nota (1) che non è presente per le lauree corrispondenti del vecchio ordinamento (chimica) e magistrale (LM 54 Scienze chimiche)
  • A-09: Nella colonna dei titoli di accesso DM 22/05 la laurea LS 4-Architettura e ingegneria edile è indicata erroneamente come LM 4-Architettura e ingegneria edile-architettura
  • A-10: Nella colonna degli insegnamenti Liceo Artistico – tutti gli indirizzi Discipline grafiche e pittoriche (1^ biennio) è erroneamente indicata come «Discipline pittoriche»
  • A-10: Nella colonna degli insegnamenti Liceo Artistico – indirizzo grafica è erroneamente indicata "Discipline grafiche 1° biennio” che non esiste essendo già compresa in Discipline grafiche e pittoriche (1^ biennio).
  • A-17: Nella colonna degli insegnamenti Liceo Linguistico è indicata la disciplina Disegno e storia dell’arte (che nel Liceo Linguistico non esiste) in luogo di Storia dell’arte.
  • A-28: Nella colonna dei titoli di accesso DM 22/05 la laurea LS 38-Ingegneria per l’ambiente e il territorio è indicata erroneamente come LS 28-Ingegneria per l’ambiente e il territorio
  • A-33 Per le lauree LS 50-Modellistica matematico-fisica per l’ingegneria e LM 44-Modellistica matematico-fisica per l’ingegneria è indicata una nota 4 che fa riferimento solo ad esami del vecchio ordinamento: forse si voleva indicare la nota 14?
  • A-33: Nella colonna indirizzi di studio: ISTITUTO TECNICO, settore TECNOLOGICO, indirizzo TRASPORTI E LOGISTICA articolazione «Conduzione del mezzo» - opzione «Conduzione del mezzo aereo» è stata omessa l’indicazione della disciplina «Logistica 2° biennio»
  • A-36: Nell’elenco delle lauree magistrali la laurea in Ingegneria navale è erroneamente indicata con LM-33 invece che con LM-34
  • A-36: Nelle note tra le classi di concorso che possono transitare in opzione è erroneamente indicata la A-32 in luogo della A-33
  • A-40: La nota (2) posta dopo la laurea in Informatica contiene un’espressione al plurale (“Dette lauree”): occorre precisare se la nota vale anche per le lauree in Ingegneria indicate immediatamente sopra: aerospaziale, civile, gestionale, meccanica, dei materiali, per l’ambiente e il territorio.
  • A-50: La laurea magistrale in Scienze geofisiche (LM-79) è indicata 2 volte
  • A-53: Nella descrizione della classe di concorso è indicato il pregresso insegnamento di educazione musicale negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado che non può essere corrispondente trattandosi di una classe di concorso di nuova istituzione. La cosa rischia di creare una situazione caotica e fonte di possibili equivoci e contenziosi. Infatti nell’allegato “Licei” dal DDG 414/16 che individua la confluenza delle precedenti classi di concorso nelle nuove, la vecchia A031 confluirebbe nella nuova A-53, nonostante che nel DPR 19/16 ci sia scritto chiaramente che “Fino a quando non entreranno a regime gli specifici percorsi abilitanti, e comunque non oltre l’anno accademico 2018/2019, ha titolo di accesso il docente abilitato nella ex classe di concorso A031 o A032 o A077, in possesso della laurea in Musicologia e beni musicali (LM-45) o titoli equiparati ai sensi del D.I. 9.7.2009
  • A- 55 La previsione del possesso del diploma di istruzione secondaria di secondo grado per coloro che conseguono il titolo di vecchio ordinamento (ancora funzionante ad esaurimento), non può che riguardare i futuri diplomati. È infatti tuttora in vigore il Decreto Legge 212/02 art. 6 comma 1 lett. a: «1. I diplomi rilasciati dalle istituzioni di cui all’articolo 1, in base all’ordinamento previgente al momento dell’entrata in vigore della presente legge, ivi compresi gli attestati rilasciati al termine dei corsi di avviamento coreutico, mantengono la loro validità ai fini dell’accesso all’insegnamento, ai corsi di specializzazione e alle scuole di specializzazione.». In relazione alle quattro sottosezioni del “Laboratorio di musica d’insieme” previste dalle Indicazioni nazionali dei licei (D.I. 211/10) è necessario specificare i titoli d’accesso coerenti per ciascuna di esse.
  • A- 56: La previsione del possesso del diploma di istruzione secondaria di secondo grado per coloro che conseguono il titolo di vecchio ordinamento (ancora funzionante ad esaurimento), non può che riguardare i futuri diplomati. È infatti tuttora in vigore il Decreto Legge 212/02 art. 6 comma 1 lett. a: «1. I diplomi rilasciati dalle istituzioni di cui all’articolo 1, in base all’ordinamento previgente al momento dell’entrata in vigore della presente legge, ivi compresi gli attestati rilasciati al termine dei corsi di avviamento coreutico, mantengono la loro validità ai fini dell’accesso all’insegnamento, ai corsi di specializzazione e alle scuole di specializzazione.». Incomprensibile il riferimento al diploma accademico di primo livello nella nota (1) che riguarda anche i diplomi di vecchio ordinamento.
  • A-62: Non è indicato l’insegnamento di «laboratori tecnici» per l’Indirizzo “Grafica e Comunicazione” opzione “Tecnologie cartarie”
  • A-63: La previsione del possesso del diploma di istruzione secondaria di secondo grado per coloro che conseguono il titolo di vecchio ordinamento (ancora funzionante ad esaurimento), non può che riguardare i futuri diplomati. È infatti tuttora in vigore il Decreto Legge 212/02 art. 6 comma 1 lett. a: «1. I diplomi rilasciati dalle istituzioni di cui all’articolo 1, in base all’ordinamento previgente al momento dell’entrata in vigore della presente legge, ivi compresi gli attestati rilasciati al termine dei corsi di avviamento coreutico, mantengono la loro validità ai fini dell’accesso all’insegnamento, ai corsi di specializzazione e alle scuole di specializzazione.». L’inserimento delle lauree in Musicologia e beni musicali (LS–51 e LM–45) non è accompagnato dalla richiesta in termini di CFU di alcuna competenza nei settori delle tecnologie audiodigitali e/o della musica elettronica. Analisi
  • A-64: Nella descrizione della classe di concorso è indicato il pregresso insegnamento di educazione musicale negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado che non può essere corrispondente trattandosi di una classe di concorso di nuova istituzione. La previsione del possesso del diploma di istruzione secondaria di secondo grado per coloro che conseguono il titolo di vecchio ordinamento (ancora funzionante ad esaurimento), non può che riguardare i futuri diplomati. È infatti tuttora in vigore il Decreto Legge 212/02 art. 6 comma 1 lett. a: «1. I diplomi rilasciati dalle istituzioni di cui all’articolo 1, in base all’ordinamento previgente al momento dell’entrata in vigore della presente legge, ivi compresi gli attestati rilasciati al termine dei corsi di avviamento coreutico, mantengono la loro validità ai fini dell’accesso all’insegnamento, ai corsi di specializzazione e alle scuole di specializzazione.».
  • A-77: Nella colonna delle lauree magistrali le lauree in Antropologia culturale ed etnologia (LM- 1), Archeologia (LM-2) e in Archivistica e bibliteconomia (LM-5) sono indicate erroneamente come LS. Tabella A1 Nella tabella è indicata erroneamente la classe di concorso A-23 invece della A-25 per quanto riguarda gli esami di linguistica.
Tabella B
  • B-09: nella colonna indirizzi di studio ISTITUTO TECNICO, settore TECNOLOGICO, indirizzo TRASPORTI E LOGISTICA
  • Nella articolazione «Conduzione del mezzo» - opzione «Conduzione del mezzo aereo»è stata erroneamente indicata la disciplina «Scienze della navigazione e struttura dei mezzi di trasporto» (che non è presente nell’opzione) invece della disciplina «Scienze della navigazione, struttura e costruzione del mezzo aereo». Inoltre, è stata omessa la disciplina «Logistica» (attualmente assegnata anche alle classi di concorso 4/C e 8/C che confluiscono nella B-09)
  • Nella articolazione «Conduzione» (denominazione incompleta, sarebbe «Conduzione del mezzo») è stata omessa la disciplina «Logistica» (attualmente assegnata anche alle classi di concorso 4/C e 8/C che confluiscono nella B-09)
  • Nella articolazione «Logistica» è stata omessa la disciplina «Logistica» (attualmente assegnata anche alle classi di concorso 4/C e 8/C che confluiscono nella B-09)
  • B-10: Nell’indicazione del diploma di istruzione tecnica superiore opzione costruzioni aeronautiche è indicato erroneamente conduzione del mezzo invece che costruzione del mezzo
  • B-14: (Ex 39/C e 43/C) mancano due insegnamenti di laboratorio per l’indirizzo Costruzioni ambiente e territorio articolazione Geotecnico: tecnologia per la gestione del territorio e dell’ambiente e geologia e geologia applicata. Questa indicazione specifica poteva anche essere omessa essendoci già l’indicazione di tutti laboratori del II biennio e del V anno per l’intero indirizzo.
  • B-16: (ex 30/C e 31/C): è stato omesso l’insegnamento della disciplina «Laboratorio di tecnologie informatiche» nelle classi prime degli istituti tecnici del settore tecnologico.
  • B-20: È indicato “diploma di operatore” invece che “diploma di operatore turistico”
  • B-24: Diploma di aspirante al comando di navi mercantili è indicato due volte (vecchi e nuovi titoli)
  • B-25: Diploma di aspirante alla professione di costruttore navale è indicato due volte (vecchi e nuovi titoli)

Argomenti:

Scuola Insegnanti MIUR

Iscriviti alla newsletter

Money Stories