Sogni la pensione? C’è chi l’ha ottenuta a 32 anni. Ecco come

Marta Panicucci

11 Aprile 2014 - 13:12

condividi
Facebook
twitter whatsapp

In tempi come questi sembra davvero una storia assurda quella riportata da Business Insider e che sta già facendo il giro del mondo. In un momento in cui i giovani riescono ad affacciarsi nel mondo del lavoro intorno ai 30 anni c’è incredibilmente chi a 32 è già in grado di andare in pensione.

Business Insider narra la storia di Brandon un giovane statunitense che a 32 anni di età è in procinto di andare in pensione. Il suo segreto? risparmiare e investire.

In pensione a 32 anni
«Compierò 32 anni quest’anno, ma credo sia giunto il momento di lasciare il mio lavoro a tempo pieno come sviluppatore di software e di non cercarne un altro. Anzi, credo sia arrivato il momento di andare in pensione» afferma Brandon.

E continua, facendo invidia a tutti i lavoratori del mondo: «I miei risparmi sono abbastanza per finanziare le mie spese per almeno i prossimi 30 anni, in modo da non dovere impazzire per cercare un lavoro e rendere la cosa un’opzione piuttosto che una necessità».

Come ha fatto?
La domanda che sorge spontanea è proprio questa: come ha fatto a realizzare il sogno di tutti i lavoratori?

«Ho costruito il mio gruzzolo semplicemente guardando le mie spese e investendo più del mio stipendio. Attualmente sto investendo oltre il 70% del mio reddito netto nella mia pensione e nei conti di investimento passivi».

Brandon racconta che nel 2011, nel corso di un viaggio con la compagna, ha scoperto un sito che ha cambiato la sua vita: Early Retirement Extreme. «Ero già un buon risparmiatore - spiega Brandon - ma quello che ho letto sul sito mi ha incoraggiato a farlo ancora di più. Quello che dovevo fare era risparmiare e investire fino a raggiungere almeno 25 volte le mie spese annuali».

«Preferisco fare investimenti passivi. Diversi studi hanno dimostrato che, nel lungo termine, questo tipo di investimento risulta migliore di quelli attivi. Così investo la maggior parte dei miei soldi in fondi indicizzati diversificati. Attualmente ho il 75% in azioni americane, 10% in attivi internazionali, 10% in fondi comuni di investimento immobiliare e il 5% in contanti».

Infine Brandon spiega che non ha intenzione di trovarsi un altro lavoro, il suo metodo di investimenti gli permette di vivere sereno per i prossimi 30 anni, secondo i suoi calcoli. Ma conclude: «se con mia moglie decidessimo di avere una famiglia, o se il mercato finanziario dovesse andare incontro a turbolenze simili a quelle del 2008, 2009, potrei pensare di tornare a lavorare un paio d’anni, giusto per aumentare nuovamente il mio bilancio».

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories