Reddito di cittadinanza: non basta l’Isee per averne diritto

Lorenzo Rubini

28 Gennaio 2021 - 15:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp
Reddito di cittadinanza: non basta l'Isee per averne diritto

Il reddito di cittadinanza è una integrazione al reddito concessa ai nuclei familiari che versano in disagio economico. Per poter accedere al sussidio, però, non è sufficiente solo rispettare il limite Isee imposto, visto che esistono altri requisiti che devono essere soddisfatti.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Il mio reddito 5.972,55 mi spetta il reddito di cittadinanza? Siamo due adulti disoccupati e una minore”

Reddito di cittadinanza, quando spetta?

Per avere diritto al reddito di cittadinanza non basta soltanto rientrare nei limiti ISEE indicati ma è necessario essere in possesso di tutti i seguenti requisiti:

  • essere cittadini italiani e risiedere in Italia da almeno 10 anni di cui gli ultimi 2 in via continuativa
  • avere un reddito ISEE inferiore a 9360 euro l’anno
  • avere un patrimonio immobiliare, con l’esclusione della prima casa, che non sia superiore ai 30mila euro
  • avere un patrimonio finanziario che non superi i 6mila euro (tale importo può essere incrementato in base al numero dei componenti del nucleo familiare)
  • avere un reddito familiare che non superi i 6000 euro moltiplicato per la scale di equivalenza. Se la famiglia abita in una casa in affitto questa soglia è elevata a 9360 euro.

Nel vostro caso, quindi, limitatamente al valore dell’ISEE il diritto al reddito di cittadinanza c’è ma è da valutare se siete in possesso anche di tutti gli altri requisiti richiesti per potervi accedere.

Le faccio un esempio: anche se una famiglia ha un reddito pari a zero, un ISEE pari a zero ma ha depositati in conti corrente, libretti di risparmio, buoni fruttiferi postali ed altre forme di investimento 20mila euro, non ha diritto al reddito di cittadinanza, nonostante non abbia redditi.

Proprio per questo è necessario controllare anche tutti gli altri requisiti per capire se si ha diritto al sussidio. Il mio consiglio, quindi, è quello di recarsi presso un Centro di Assistenza Fiscale per far valutare, carte alla mano, la situazione del suo nucleo familiare.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories