Patrimonio mobiliare: cos’è, cosa comprende e come calcolarlo

Conoscere il significato di patrimonio mobiliare è il primo passo per calcolarne il valore; ecco tutto quello che c’è da sapere in merito.

Patrimonio mobiliare: cos'è, cosa comprende e come calcolarlo

Con patrimonio mobiliare si intende la somma dei saldi di vari titoli, come ad esempio del conto corrente (bancario o postale), dei titoli di stato e delle obbligazioni. Per il saldo si deve prendere come riferimento la data del 31 dicembre dell’anno precedente.

Conoscere il proprio patrimonio mobiliare è molto importante ai fini ISEE; questo, così come il patrimonio immobiliare, potrebbe incidere significativamente sul valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente del nucleo familiare. In realtà quando il valore del patrimonio mobiliare è basso - ad esempio se non supera i 10.000€ - l’incidenza sul reddito è di circa il 3%, ma questa percentuale sale progressivamente con la crescita del patrimonio mobiliare.

Il patrimonio mobiliare non è importante solamente ai fini ISEE; questo, infatti, fa parte dei requisiti economici da soddisfare per avere diritto al reddito di cittadinanza, per il quale è prevista una soglia di 6.000€, innalzabile di 2.000€ (fino ad un massimo di 10.000€) per ogni componente familiare successivo al primo. Inoltre, per ogni figlio successivo al secondo la soglia si alza di altri 1.000€, mentre in presenza di disabili nel nucleo familiare di 5.000€. In ogni caso il valore del patrimonio mobiliare per avere diritto al reddito di cittadinanza non può essere superiore ai 20.000€.

Per questi motivi, quindi, è importante sapere come calcolare o perlomeno quali sono le voci comprese nel patrimonio mobiliare; lo faremo in questa guida dedicata, nella quale trovate tutte le informazioni di cui avete bisogno per conoscere questo valore molto importante ai fini della definizione del reddito.

Patrimonio mobiliare: quali titoli comprende?

Come anticipato, con il termine patrimonio mobiliare si intende la somma dei saldi - al 31 dicembre dell’anno precedente - di vari titoli. Nello specifico, per calcolare il valore del patrimonio mobiliare si devono prendere in considerazione i saldi dei seguenti titoli:

È molto importante sottolineare che per quantificare il patrimonio mobiliare si deve tener conto di ogni componente del nucleo familiare: ad esempio, non è sufficiente fare il saldo del conto corrente intestato a chi richiede l’ISEE, poiché bisogna considerare anche eventuali conti correnti o deposito intestati agli altri componenti del nucleo.

Come si calcola il valore del patrimonio mobiliare

Quindi per calcolare il patrimonio mobiliare basta vedere il saldo al 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento delle suddette voci e poi sommarle; è bene ricordare che nel caso dei conti corrente e deposito bisogna prendere come riferimento anche la giacenza media oltre al saldo, così da avere un’informazione più precisa sulla propria situazione patrimoniale. Nel caso di conti correnti cointestati ogni membro deve indicare esclusivamente la propria percentuale di possesso.

In ogni caso potete chiedere tutto quello che vi serve alla vostra banca, effettuando l’estratto conto sul quale sarà indicato sia il saldo al 31 dicembre che la giacenza media.

Quando il calcolo del patrimonio mobiliare può risultare complesso - ad esempio perché ci sono più voci di cui tener conto - consigliamo di rivolgersi direttamente ad un Centro di Assistenza Fiscale (CAF). A questo dovrete dichiarare tutti i vostri possedimenti mobiliari, nonché quelli degli altri componenti del nucleo familiare; la dichiarazione va effettuata all’interno della DSU ai fini ISEE, nella quale dovete indicare l’estratto al 31 dicembre di conti correnti, postali e buoni fruttiferi nonché il valore - sempre al 31 dicembre dell’anno precedente - di eventuali azioni o obbligazioni detenute.

Per farvi un’idea del vostro patrimonio mobiliare o del valore dell’ISEE potete utilizzare anche l’apposito simulatore disponibile sul sito dell’INPS (clicca qui).

Detrazioni per il patrimonio mobiliare

Infine, ai fini del calcolo del patrimonio mobiliare è importante sapere che dalla somma dei vari saldi si detrae - fino a concorrenza - una franchigia variabile a seconda del numero dei componenti familiari.

Nel dettaglio, nel caso di una persona sola si applica una franchigia di 6.000€, mentre per ogni componente ulteriore c’è un incremento di 2.000€ fino al raggiungimento della soglia di 10.000€. Infine, questo importo viene incrementato di altri 1.000€ per ogni figlio successivo al secondo.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Stato patrimoniale

Argomenti:

Stato patrimoniale

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Patriziasvp • 13 marzo

Salve,
Nella parte finale dell’articolo voi dite che per calcolare il patrimonio mobiliare
è necessario detrarre la Franchigia, questo solo per ottenere il valore che va ad incidere sull’isee ?
Per esempio per il reddito di cittadinanza, con riferimento al limite del patrimonio mobiliare, è necessario dal totale di soldi in banca togliere
la franchigia?
grazie molte per la risposta.

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.