ISEE

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è uno strumento che permette di valutare la situazione economica di coloro che fanno richiesta di agevolazioni per determinate prestazioni sociali.

Per effettuare il calcolo dell’ISEE vengono presi in considerazione, con riferimento al nucleo familiare del richiedente, informazioni raccolte con il modello DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) ed altre rese dagli archivi dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate.

Per ottenere l’attestazione ISEE, il cittadino è tenuto a presentare il modello DSU ad enti ed organismi che provvedono al calcolo ed al rilascio del relativo documento, ossia:

  • Comuni,
  • Centri di Assistenza Fiscale (CAF);
  • Sedi ed Agenzie INPS presenti sul territorio.

Per avere tutte le informazioni utili su documenti da presentare al CAF/commercialista, modalità di calcolo e istruzioni si consiglia il seguente approfondimento:
Calcolo ISEE 2016: documenti da portare al CAF e tutte le istruzioni

ISEE, ultimi articoli su Money.it

Sconto in bolletta automatico 2021: documenti e novità ARERA sul bonus sociale

Rosaria Imparato

25 Febbraio 2021 - 13:17

Sconto in bolletta automatico 2021: documenti e novità ARERA sul bonus sociale

Sconto in bolletta automatico, pronte regole e modalità di erogazione del bonus sociale 2021: i dettagli si trovano nel comunicato stampa di ARERA del 25 febbraio. Tra i documenti necessari solo la DSU ai fini ISEE, che deve essere inferiore a 8.265 euro: di seguito requisiti e novità per fruire dell’agevolazione e modalità di erogazione.

ISEE minorenni: cos’è e quando serve

Rosaria Imparato

25 Febbraio 2021 - 11:35

ISEE minorenni: cos'è e quando serve

ISEE minorenni, cos’è e a cosa serve? Vediamo qual è la differenza con l’ISEE ordinario e quando va a utilizzato.

Controlli ISEE, cosa rischia chi dichiara il falso?

Rosaria Imparato

12 Febbraio 2021 - 11:24

Controlli ISEE, cosa rischia chi dichiara il falso?

Controlli ISEE, chi dichiara il falso e viene scoperto durante le verifiche dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza rischia non solo di perdere il beneficio e di dover restituire il contributo illegittimamente ottenuto, ma anche fino a sei anni di reclusione.