Domanda reddito di cittadinanza: modulo e istruzioni per la richiesta

Sempre più nuclei familiari stanno presentando la domanda per il reddito di cittadinanza; se voi ancora non l’avete fatta, qui trovate una guida con le istruzioni utili su come compilare e inviare la richiesta.

Domanda reddito di cittadinanza: modulo e istruzioni per la richiesta

Fare la domanda per il reddito di cittadinanza è molto semplice: il modulo Inps per la richiesta è semplice e intuitivo, mentre gli uffici postali e i CAF sono a disposizione del cittadino non solo per ricevere in consegna la richiesta (e poi inviarla all’Inps) ma anche per dargli tutti i chiarimenti di cui ha bisogno.

Nei primi giorni di avvio non si segnalano code in questi uffici, tuttavia ricordiamo che si può fare domanda per il reddito o la pensione di cittadinanza anche online, utilizzando il servizio disponibile sul sito ufficiale dell’Istituto per il quale però bisogna avere le credenziali SPID.

Non c’è un termine entro il quale bisogna fare richiesta per il RdC, tuttavia solo chi ha consegnato la domanda prima del 1° aprile 2019 riceverà il contributo nei primi giorni di maggio; gli altri dovranno attendere il secondo mese successivo all’invio della richiesta.

Prima di andare avanti è bene ricordare che oltre al modello SR180 per la domanda RdC/PdC, non occorre alcun documento. L’importante è che prima di fare la richiesta del RdC il cittadino presenti la DSU aggiornata in modo che l’Inps, ai fini della valutazione della domanda, possa fare il collegamento necessario con l’ISEE.

Insomma, non ci sono più impedimenti per l’invio della richiesta: a tal proposito ecco una guida completa con tutto quello che dovete sapere per non commettere errori.

Richiesta reddito di cittadinanza: tempistiche

Il decreto 4/2019 stabilisce che il beneficio economico riconosciuto con il reddito di cittadinanza (di cui qui potete calcolare l’importo) decorre dal mese successivo a quello in cui si è presentata la richiesta: di conseguenza, i primi assegni (a titolo di integrazione del reddito familiare) saranno corrisposti dal mese di maggio 2019.

Nel dettaglio, una volta presentata la domanda questa sarà recapitata all’Inps il quale ha cinque giorni di tempo per verificare che il richiedente soddisfa tutti i requisiti previsti dalla misura; successivamente l’Istituto comunica l’accoglimento della domanda a Poste Italiane che a sua volta convoca l’intestatario del beneficio per il rilascio della carta acquisti e del PIN per utilizzarla.

Il beneficio ha decorrenza per tutto il periodo in cui il richiedente ne soddisfa i requisiti, per un massimo però di 18 mesi. Decorso questo termine si può chiedere il rinnovo del reddito di cittadinanza, il quale dopo un mese di sospensione verrà nuovamente corrisposto (ma solo quando se ne soddisfano i requisiti).

Dove fare richiesta del reddito di cittadinanza

Spetta all’Inps erogare il contributo economico, il quale viene caricato su un’apposita Carta elettronica per gli acquisti. A tal proposito, nel decreto si legge che una volta ricevuta l’istanza l’Inps ha cinque giorni di tempo per effettuare una verifica dei requisiti analizzando le informazioni disponibili nei propri archivi e in quelli delle amministrazioni collegate.

È sempre l’Inps che ha dovuto realizzare il modello per la domanda del reddito di cittadinanza (che potete scaricare di seguito) con il supporto del Ministero del Lavoro; non è all’Inps, però, che bisogna rivolgersi per presentare la richiesta.

Modulo SR180 (Domanda RdC/PdC)
Clicca qui per scaricare il modello SR180, da compilare per fare domanda del reddito di cittadinanza.

Nel dettaglio, la domanda va presentata - in alternativa - tramite uno dei seguenti canali:

  • in modalità cartacea presso gli uffici postali, consegnando il modello di domanda predisposto dall’Inps. La domanda può essere presentata a partire dal 6 marzo 2019 e da ogni 6° giorno del mese;
  • la domanda può essere presentata anche ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF), ma in questo caso data e modalità saranno comunicate successivamente.

Una volta ricevuta la domanda questi centri avranno dieci giorni di tempo per girare tutto all’Inps il quale a sua volta, come già anticipato, esprimerà il responso definitivo dopo un massimo di cinque giorni.

Modulistica necessaria per la richiesta del reddito di cittadinanza

Non è necessario presentare alcun documento insieme al modello SR180 per la richiesta del reddito di cittadinanza.

Tuttavia, qualora al momento della presentazione della domanda per il RdC uno o più componenti del nucleo familiare abbiano iniziato un’attività lavorativa non indicata nell’ISEE, bisogna presentare anche il modello integrativo SR182 (per saperne di più ecco una guida su come compilarlo).

Modello Rdc/PdC Com-Ridotto (SR182)
Clicca qui per scaricare il modello SR182 del reddito di cittadinanza per comunicare attività lavorative in corso non rilevate dall’ISEE per l’intera annualità.

Inoltre, è importante che al momento della richiesta abbiate già presentato la DSU aggiornata, in modo che l’Inps possa associare il vostro ISEE alla domanda. Vi ricordiamo comunque che l’ISEE non deve essere superiore ai 9.360€; in caso contrario non potrete fare richiesta dal momento che il reddito di cittadinanza non vi spetta.

Cosa fare dopo aver presentato la domanda

Dopo aver inviato la richiesta per il reddito di cittadinanza dovrete attendere il responso da parte dell’Inps. La comunicazione di accoglimento sarà inviata tramite e-mail o SMS, in base alle preferenze - e ai recapiti - indicate nella domanda.

In caso di accoglimento si verrà contattati da Poste Italiane, con le quali verrà fissato un appuntamento per il ritiro della Carta RdC e del PIN. Bisogna sottolineare che, indipendentemente dal numero dei componenti del nucleo familiare, verrà rilasciata una sola card, di cui l’intestatario è colui che ha presentato la richiesta.

Entro i successivi 30 giorni, invece, bisogna presentare la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID), ad uno tra i seguenti uffici:

  • centri per l’impiego;
  • patronati convenzionati Anpal.

La dichiarazione non è necessaria per i componenti del nucleo familiare:

  • minorenni;
  • disabili (riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%);
  • pensionati;
  • over 65;
  • soggetti già occupati;
  • soggetti che studiano o frequentano un corso di formazione.

Inoltre, è facoltà dei centri per l’impiego esonerare dall’obbligo di presentazione della DID i caregiver, ossia i componenti del nucleo familiare che assistono disabili gravi e non autosufficienti o minori di tre anni.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Reddito di cittadinanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.