Bonus famiglia

Il Bonus famiglia consiste in un insieme di agevolazioni fiscali inserite al fine di agevolare i nuclei familiari. Il bonus rivolto alle famiglie più conosciuto e in vigore da più anni è il bonus bebè, ovvero il contributo economico erogato a seguito della nascita di un figlio e legato alla presentazione del modello ISEE.

Sebbene nella maggior parte dei casi i bonus famiglia vengano erogati nel rispetto di determinati requisiti di reddito, con l’ultima Legge di Bilancio 2017 è stato introdotto un importante incentivo per i nuovi nuclei familiari: si tratta del bonus mamme domani, erogato in favore di tutte le donne al 7° mese di gravidanza e senza vincoli di reddito.

Nel 2017 si era vociferata la possibilità che il Governo introducesse un vero e proprio bonus famiglia, ovvero un assegno erogato in favore dei nuclei familiari con più di due figli e con reddito basso. La notizia non è stata confermata dai fatti anche se sono in ogni caso molte le agevolazioni per le famiglie, nuove e confermate.

Oltre al bonus bebè, che consente di beneficiare di un importo di 80 o 160 euro al mese fino al compimento dei 3 anni di vita del figlio in base al reddito da modello ISEE, e il bonus mamme domani, ovvero gli 800 euro per tutte le donne in stato di gravidanza, ulteriori bonus famiglie riguardano le agevolazioni pensate per l’iscrizione dei figli al nido (bonus asilo nido) e i voucher per il pagamento della baby sitter erogati nei confronti delle lavoratrici che rinunciano al periodo di congedo facoltativo.

Bonus famiglia, ultimi articoli su Money.it

Spesa gratis dal Comune: a chi spetta?

Pubblicato il 29 marzo 2020 alle 13:06

Il Governo ha deciso: dai Comuni spesa gratis ai più bisognosi, o anche buoni spesa per l’acquisto di beni di prima necessità. Chi ne avrà diritto? Facciamo chiarezza.

Congedo di paternità 2020, aumenta la durata: novità sui giorni spettanti

Pubblicato il 25 febbraio 2020 alle 13:38

Congedo di paternità 2020, per i neopapà i giorni di astensione obbligatoria diventano 7, retribuiti al 100%, e con un giorno di congedo facoltativo in alternativa alla madre. Il congedo va fruito entro i 5 mesi dalla nascita (o adozione) del figlio. Vediamo come fare domanda e le novità della Legge di Bilancio recepite dal messaggio INPS n. 679 del 21 febbraio.

|