Quota 96: pensione negata. La Consulta boccia il ricorso

La sentenza della Corte Costituzionale tanto attesa dai Quota 96 sulla costituzionalità della Riforma Fornero è arrivata il 17 dicembre, portando, purtroppo, cattive notizie: nulla da fare per il ricorso presentato, pensione negata.

Ma chi sono i Quota 96? Quei docenti che non sono potuti andare in pensione, credendo di poterlo fare alla data del 1 settembre 2012, a causa dell’introduzione della Riforma Fornero, che ha previsto nuove regole per il pensionamento con decorrenza 1 gennaio 2012.

La Riforma Fornero infatti non ha tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico, inglobando il comparto scuola in quello più generale della P.A. e non considerando che per la scuola la data di riferimento come fine rapporto è il 31 di agosto di ogni anno e non il 31 di dicembre.

Nonostante la bocciatura della Corte Costituzionale, la volontà politica di trovare una soluzione pare ci sia, grazie alla proposta di legge a firma delle deputate Ghizzoni (PD) e Marzana (M5S), che punta di fatto al riconoscimento dell’anno scolastico e non solare e alla soluzione del problema dei cosiddetti «esodati della scuola».

La Consulta boccia il ricorso

La sentenza della Consulta, così si legge nel testo,

«dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell’art. 24, comma 3, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 22 dicembre 2011, n. 214, sollevata, in riferimento agli artt. 2, 3, 11, 38, 97 e 117, primo comma, della Costituzione – quest’ultimo richiamato in relazione all’art. 6, paragrafo 1, della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, ratificata con la legge 4 agosto 1955, n. 848 – dal Tribunale ordinario di Siena, in funzione di giudice del lavoro, con l’ordinanza di cui in epigrafe».

Pensione scuola 2014

Di seguito riportiamo una breve video guida sui requisiti per andare in pensione a partire dal 1 settembre 2014 (per il comparto scuola) a cura di Rosario Cutrupia, consulente nazionale della Gilda, l’Associazione che, ai sensi dell’art. 2 dello Statuto, «si prefigge di rappresentare e tutelare sul piano professionale e culturale gli insegnanti della scuola pubblica italiana di ogni ordine e grado».

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories