Pensioni 2016: l’indennizzo per la cessazione definitiva dell’attività commerciale

Pensioni: ultima chiamata al 31 dicembre 2016 per la concessione dell’indennizzo pensionistico previsto dal dlgs n. 207/1996 a favore dei commercianti.

Pensioni 2016: l'indennizzo per la cessazione definitiva dell'attività commerciale

L’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale è una forma di trattamento minimo di pensione (circa 500 euro al mese), destinato ai soggetti iscritti nella gestione previdenziale dei commercianti che chiudono definitivamente la propria attività e provvedono alla riconsegna della licenza. Il fine principale dell’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale è quello di «accompagnare» i soggetti destinatari, con l’erogazione di una piccola rendita, al raggiungimento dei requisiti utili alla pensione dei vecchiaia.
L’incentivo introdotto inizialmente nella Legge 28 gennaio 2009, è stato rispolverato dalla Legge di Stabilità 2014, che ha concesso ai soggetti beneficiari, aventi il requisiti richiesti alla data del 31 dicembre 2016, la possibilità di presentare la domanda e di accedere a questa speciale agevolazione per la categoria dei commercianti.

Ecco quali sono i beneficiari ed i requisiti, la durata e gli importi di questa prestazione pensionistica.

Pensione, indennizzo per cessazione attività commerciale: i beneficiari ed i requisiti
L’incentivo alle pensione per cessazione dell’attività commerciale è destinato esclusivamente ai soggetti che svolgono attività commerciale.

Ecco quindi i soggetti beneficiari dell’indennizzo alla pensione per cessazione attività commerciale:

  • i titolari o coadiutori di attività commerciale al minuto in sede fissa, anche abbinata ad attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
  • i titolari o coadiutori di attività commerciale su aree pubbliche;
  • gli esercenti attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
  • gli agenti e rappresentanti di commercio.

Per conseguire il diritto all’indennizzo è necessario presentare la relativa domanda entro il 31 gennaio 2017 avendo cura di aver raggiunto i seguenti specifici requisiti alla data del 31 dicembre 2016:

  • requisito anagrafico: avere compiuto 62 anni di età, se uomo, o 57 anni di età, se donna;
  • requisito contributivo: essere iscritto, al momento della cessazione dell’attività, per almeno cinque anni, come titolare o coadiutore nella gestione speciale commercianti Inps;
  • requisito aggiuntivo: aver cessato definitivamente l’attività commerciale e aver riconsegnato al Comune l’autorizzazione per l’esercizio dell’attività commerciale al minuto.

Si specifica che la cessazione dell’attività commerciale deve avvenire attraverso la cancellazione dal registro delle imprese e degli esercenti il commercio istituito presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di competenza del titolare dell’impresa.

Pensione, indennizzo per cessazione attività commerciale: la durata e l’importo
Qual è la durata dell’indennizzo per cessazione attività commerciale che va ad integrare le pensioni dei commercianti?
Una volta attestato il raggiungimento dei requisiti richiesti, termine ultimo 31 dicembre 2016, l’erogazione dell’indennizzo spetta dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda fino a tutto il mese in cui i beneficiari compiono le età per la pensione di vecchiaia sulla base dei requisiti della Legge Fornero.
L’indennizzo cessa ovviamente dal primo giorno del mese successivo a quello in cui il pensionato decida di riprendere un’eventuale attività lavorativa, sia di tipo dipendente sia autonoma. Il beneficiario è tenuto in questo caso a comunicare all’INPS la ripresa dell’attività entro 30 giorni.
L’indennizzo è compatibile con la salvaguardia dalla Riforma Fornero, con l’assegno sociale (fermo restando i limiti reddituali previsiti) e crea contribuzione figurativa utile al raggiungimento dei requisiti per la pensione anticipata.

Per quanto riguarda la misura del trattamento pensionistico, questo è pari al trattamento minimo di pensione previsto per gli iscritti alla gestione commercianti.
Per coloro che dovessero accedere quindi al trattamento pensionistico nell’anno 2016, l’indennizzo sarà di poco superiore a 501,89 euro ed è soggetto alla normale tassazione fiscale.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.