Alternanza Scuola Lavoro: come funziona e cosa prevede il Protocollo del MIUR

Alternanza scuola lavoro: è stato firmato il Protocollo tra MIUR e Conftrasporto per rafforzare il rapporto tra la scuola e il mondo del lavoro. Ecco i punti principali.

Formare le giovani generazioni attraverso l’alternanza scuola lavoro.

Con questo obiettivo è stato firmato il Protocollo tra Conftrasporto e il Miur, il Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca per rafforzare il rapporto tra la scuola e il mondo del lavoro.

Cosa significa alternanza scuola lavoro?

L’alternanza scuola lavoro è un modello didattico che mira a formare i giovani sia attraverso la frequenza scolastica, che mediante tirocini formativi in azienda.

La Legge 107/2015 prevede infatti che gli studenti del secondo biennio del Liceo e dell’ultimo anno frequentino obbligatoriamente un percorso di orientamento che alterni ore di studio e di formazione in aula e ore all’interno delle aziende.

Per gli istituti tecnici le ore complessivamente previste sono 400, mentre per i Licei sono 200.

L’alternanza scuola lavoro mira a formare una esperienza concreta, superando il divario tra il mondo del lavoro e la scuola, sia a livello di competenze che di preparazione.

Alternanza scuola lavoro: cosa prevede il Protocollo del MIUR?

Grazie alla firma del Protocollo con il Miur, Conftrasporto si impegna a contribuire nella formazione degli studenti italiani attraverso percorsi di alternanza scuola lavoro che si terranno nella città di Bruxelles.

Infatti, dall’anno scolastico 2016/2017, verranno organizzati una serie di seminari di approfondimento, ma anche delle visite didattiche alle Istituzioni Europee.

Quali sono i punti salienti del nuovo Protocollo d’intesa?

  1. svolgere attività formative a Bruxelles sulle politiche dei trasporti per gli studenti delle scuole italiane;
  2. acquisire conoscenze tecniche sulle politiche europee dei trasporti, all’interno di seminari e/o lezioni appositamente organizzati nella sede di Confcommercio a Bruxelles;
  3. incentivare la conoscenza delle lingue comunitarie quali la lingua inglese, lingua francese e lingua tedesca.

Nelle scuole italiane saranno tenuti approfondimenti anche sui settori del trasporto e della logistica con lo scopo di individuare giovani interessati ad esperienze di lavoro all’interno delle aziende di settore.

Ad ogni studente partecipante, al termine di ogni periodo formativo dai 3 ai 6 giorni, sarà rilasciata una certificazione a titolo di attestato di partecipazione, che lo studente potrà utilmente inserire all’interno del suo curriculum vitae quale percorso formativo svolto.

Il Protocollo d’intesa, firmato il 26 maggio 2016, ha durata triennale.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Argomenti:

Scuola

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.