Rivoluzione Microsoft: Satya Nadella CEO, Bill Gates consulente, Thompson presidente

Microsoft stravolge i vertici. Satya Nadella è il nuovo CEO, Bill Gates torna operativo come consulente tecnologico, mentre John Thompson prende il suo posto

La Microsoft Corporation cambia CEO. La compagnia ha infatti reso noto di aver nominato Satya Nadella come amministratore delegato, una decisione che arriva mentre la multinazionale stra affrontando alcune difficoltà e una grande competizione nel mercato di competenza.

La società fa sapere anche che Bill Gates, fino a ieri presidente onorario, assumerà una nuova carica come consulente per la tecnologia, mentre John Thompson avrà il ruolo di presidente.

Satya Nadella, succedendo a Steve Ballmer, che l’agosto scorso aveva annunciato il suo ritiro, diventa così il terzo CEO di Microsoft dal suo anno di fondazione, il 1975. Il nuovo AD siederà inoltre nel consiglio d’amministrazione della società sin da subito.

La nomina di Nadella, da 22 anni in Microsoft e responsabile della divisione cloud ed enterprise, è considerata dai mercati una scelta sicura, un segnale di continuità, un uomo che ha dichiarato di voler imparare da Bill Gates e di voler continuare la sua opera.

Nadella dovrà affrontare molte questioni. Nonostante infatti Microsoft continui a produrre grandi profitti, la società ha mancato alcune aree di crescita potenziale, primo fra tutti mercato riguardante il web, i tablets e gli smartphone.

Attualmente i maggiori profitti arrivano essenzialmente da tre prodotti, Windows, Microsoft Office, e i software ad essi correlati. Le altre produzioni, come Bing search engine o Xbox incidono infatti molto meno sui risultati finali dell’azienda.

A prescindere da questo la compagnia è riuscita a portare avanti l’anno fiscale annunciando, per il primo e il secondo trimestre, risultati superiori alle previsioni di Wall Street.

Gli analisti di Thompson Reuters prevedono un fatturato annuo in rialzo del 7% per l’anno fiscale che termina il prossimo 30 giugno.

Tornando a Satya Nadella, gran parte della sua esperienza in Microsoft è stata costruita nel serving corporate customers, fonte di 2/3 del profitto della società; il che suggerisce che la compagnia voglia potenziare quel settore.

Attesa adesso per la reazione di Wall Street. Gli analisti di FBR Capital Markets hanno sostenuto qualche tempo fa che gli investitori sarebbero rimasti delusi dalla nomina di un «membro interno», soprattutto coloro che si aspettavano una ventata d’area fresca nell’approccio strategico al mercato. Staremo a vedere.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.