Sospensione del mutuo 2018: requisiti, modalità e termini

L’ABI ha annunciato la proroga per la sospensione del mutuo: le famiglie in difficoltà economica hanno tempo fino al 31 luglio 2018 per presentare la richiesta. Ecco le informazioni su come fare.

Sospensione del mutuo 2018: requisiti, modalità e termini

Come sospendere le rate del mutuo? Ci sono buone notizie per le famiglie italiane che non riescono a pagare il mutuo: l’Associazione bancaria italiana - ABI - ha annunciato la proroga dello strumento della sospensione del mutuo, in scadenza il 31 dicembre 2017.

Grazie alla proroga decisa dall’ABI, le che si trovano in difficoltà economica hanno tempo fino al 31 luglio 2018 per chiedere la sospensione delle rate del mutuo, esclusivamente per la parte che riguarda la quota capitale (sono esclusi gli interessi).

Per chi non ne fosse a conoscenza, si tratta di uno strumento introdotto nel 2015 in seguito ad un accordo tra l’ABI (Associazione Bancaria Italiana) e le associazioni di consumatori, rivolto a tutte quelle famiglie che a causa di un evento imprevisto sono momentaneamente impossibilitate al pagamento del mutuo.

Per merito della proroga voluta dall’ABI, quindi, la richiesta può essere presentata entro il 31 luglio 2018. Se siete interessati a questa possibilità di seguito trovate tutte le informazioni di cui avete bisogno per chiedere la sospensione delle rate del mutuo.

Come funziona?

L’accordo siglato dall’ABI e dalle associazioni per i consumatori ha introdotto per il triennio 2015-2017 lo strumento della sospensione del mutuo per le famiglie in difficoltà economica, poi prorogato fino al 31 luglio 2018. Sospensione che non può essere superiore ai 12 mesi e che può essere richiesta una sola volta.

È bene precisare, però, che la sospensione riguarda solamente il versamento della quota capitale - ossia la rata - quindi il titolare del mutuo continuerà a pagare gli interessi.

Inoltre, per chiedere la sospensione del pagamento è necessario che il mutuo - o il finanziamento - per il quale si fa la richiesta sia stato acceso almeno 24 mesi prima.

Un ulteriore requisito riguarda i mutui che hanno come oggetto un immobile: in tal caso la sospensione delle rate è possibile solamente se si tratta di prima abitazione. Non possono accedere allo strumento, quindi, coloro che hanno acceso il mutuo per l’acquisto di una seconda casa.

Requisiti

Come anticipato, la sospensione può essere richiesta dalle famiglie in “difficoltà economica”; cosa significa? Nel dettaglio l’accordo riconosce l’accesso a questo strumento a tutte le famiglie in cui si è verificato uno dei seguenti eventi:

  • cessazione del lavoro dipendente (ma non può essere richiesto se c’è stata una risoluzione consensuale del contratto, oppure un licenziamento per giusta causa);
  • sospensione dal lavoro per una durata superiore ai 30 giorni;
  • riduzione dell’orario di lavoro;
  • morte del titolare del mutuo, oppure qualora questo si trovi in una condizione di non autosufficienza.

Questi requisiti per essere validi devono far riferimento all’intestatario del mutuo; se questo è cointestato basta che si riferiscano ad almeno uno dei titolari.
Inoltre, per giustificare la richiesta di sospensione questi eventi si devono essere verificati dopo la stipula del contratto di finanziamento ed entro i 24 mesi precedenti dalla domanda di sospensione.

Per evitare le sanzioni previste per chi non paga il mutuo, quindi, le famiglie in difficoltà economica possono chiedere una temporanea sospensione, motivata da particolari condizioni. Non tutti però possono richiederla, come vedremo meglio di seguito.

Casi di esclusione

Non possono fare richiesta per questo strumento, invece, coloro che nonostante si trovino in difficoltà economica sono in ritardo con il pagamento delle rate del mutuo per un periodo superiore ai 90 giorni consecutivi.

Lo stesso vale per quei finanziamenti per i quali è stata avviata una procedura esecutiva sull’immobile ipotecato.

Inoltre non è possibile chiedere la sospensione dei mutui con tasso e/o durata variabile, né per quelli a rata fissa. Esclusi dal beneficio anche quei finanziamenti che godono di agevolazioni pubbliche, come ad esempio di contributi in conto interessi/capitale, così come gli assistiti dalla cessione del quinto dello stipendio (o della pensione).

Infine non possono fare domanda quei titolari coperti da un’assicurazione a copertura del rischio, la quale lo mette al riparo dalle conseguenze economiche degli eventi suddetti.

Come fare domanda

Se siete in regola con i requisiti suddetti, avete tempo fino al 31 dicembre per fare domanda di sospensione. Questa va presentata direttamente alla banca con la quale è stato stipulato il mutuo, compilando il modulo messo a disposizione dalla stessa.

Ecco un Fac Simile del modello di domanda per la sospensione del mutuo (messo a disposizione da Cariparma).

Richiesta sospensione mutuo (Fac-Simile Cariparma)
Cliccate qui per consultare il Fac-Simile del modulo per la richiesta di sospensione del mutuo. Per il modello da utilizzare, invece, rivolgetevi alla vostra banca.

Una volta accertata la validità della richiesta la banca vi informerà in merito alle modalità con cui verrà avviata la sospensione del pagamento della rata, che ricordiamo vale per un massimo di 12 mesi.

Al termine della sospensione poi il titolare tornerà a pagare l’intero importo della rata e naturalmente ci sarà l’allungamento del periodo di rimborso.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Mutuo

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Stefano Tempera

Stefano Tempera

3 settimane fa

Surroga del mutuo: conviene oggi? Quanto si può risparmiare?

Surroga del mutuo: conviene oggi? Quanto si può risparmiare?

Commenta

Condividi

Flavia Provenzani

Flavia Provenzani

1 mese fa

Surroga del mutuo: cos’è e come funziona

Surroga del mutuo: cos'è e come funziona

Commenta

Condividi

Dimitri Stagnitto

Dimitri Stagnitto

1 mese fa

Draghi tiene giù i tassi, quali conseguenze per i Mutui?

Draghi tiene giù i tassi, quali conseguenze per i Mutui?

Commenta

Condividi