Borsa Oggi, 14 luglio 2020: Ftse Mib chiude in rosso, Atlantia sotto i riflettori

La Borsa oggi, 14 luglio 2020, ha chiuso la seduta in territorio negativo. Sul Ftse Mib spicca la performance di Atlantia in attesa del responso del Cdm di questa sera. Spread in calo.

Borsa Oggi, 14 luglio 2020: Ftse Mib chiude in rosso, Atlantia sotto i riflettori

La Borsa oggi ha chiuso in territorio negativo in scia delle nuove indicazioni relative la diffusione del virus, in California sono scattate nuove misure restrittive e l’OMS ha rilevato che “troppi Paesi stanno andando nella direzione sbagliata”, e della debolezza del comparto hi-tech statunitense.

In corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa, il future sul Brent segna un +0,85% a 40,4 dollari il barile mentre l’eurodollaro sale di mezzo punto percentuale a 1,13960.

Borsa Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib in rosso, focus su Atlantia

A Milano l’indice delle blue chip, il Ftse Mib, ha chiuso la seduta a 19.879,75 punti, -0,62% sul dato precedente.

In calo anche lo spread Btp-Bund, in rosso dell’1,6% a 164 punti base.

Tra i titoli in evidenza a Piazza Affari +0,75% di Atlantia in attesa del Consiglio dei ministri di oggi che dovrebbe decidere sulla concessione ad Aspi. La sensazione è che, a meno di una mossa in extremis dei Benetton, il governo sia orientato per una revoca.

Lettera anche su Enel (-1,33%) che, stando alle indiscrezioni, avrebbe ricevuto una manifestazione di interesse da parte del fondo Wren House per la quota in Open Fiber.

Nel comparto industriale, -0,85% di Fiat Chrysler che non ha capitalizzato le voci su un nuovo piano di incentivi governativi da 20 miliardi di euro.

Piazza Affari, aggiornamento ore 13: Enel e FCA in calo

Alle 13 il Ftse Mib quota 19.790,14 punti, -1,06% sul dato precedente. Andamento simile anche per Dax (-1,58%) e Cac40 (-1,79%).

Stabile a 167 punti lo spread con i titoli tedeschi.

Tra i titoli in evidenza a Piazza Affari, -1,44 per Enel (-1,19%) che, stando alle indiscrezioni, avrebbe ricevuto una manifestazione di interesse da parte del fondo Wren House per la quota in Open Fiber, e -1,92% di Fiat Chrysler che al momento non capitalizza le voci su un nuovo piano di incentivi governativi da 20 miliardi di euro.

Atlantia (+2,38%) rimbalza in attesa del Consiglio dei ministri di oggi che dovrebbe decidere sulla concessione ad Aspi (Autostrade: cosa prevede davvero l’offerta avanzata al governo).

Future Wall Street: al via la nuova stagione delle trimestrali

A due ore e mezza dell’avvio delle contrattazioni, il derivato sul Dow Jones registra un +0,5%, quello sullo S&P500 avanza dello 0,36% e il future sul Nasdaq segna un +0,08%.

Oggi inizia la nuova stagione delle trimestrali. Prima dell’avvio degli scambi a Wall Street sarà la volta dei conti di Citigroup, JPMorgan e Wells Fargo.

Piazza Affari, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib e spread in calo

A Milano l’indice delle blue chip, il Ftse Mib, nei primi scambi della seduta odierna, 14 luglio 2020, quota 19.821,91 punti, -0,91% sul dato precedente.

Lettera anche sul Dax (-1,46%), sul Cac40 (-1,5%), sull’Ibex (-1,17%) e sul Ftse100 (-0,73%).

In calo anche lo spread con i titoli tedeschi che scende dell’1,8% a 167 punti base.

Tra i titoli in evidenza a Piazza Affari segnaliamo il lieve rimbalzo di Atlantia (+0,66%) che, dopo il -15% di ieri, è in attesa del Consiglio dei ministri di oggi che dovrebbe decidere sulla concessione ad Aspi (Autostrade: cosa prevede davvero l’offerta avanzata al governo).

Avvio di seduta in rosso anche per Enel (-1,19%) che, stando alle indiscrezioni, avrebbe ricevuto una manifestazione di interesse da parte del fondo Wren House per la quota in Open Fiber.

Nel comparto bancario, -1,19% di UBI Banca e -0,26% di Intesa Sanpaolo dopo che il Cda di Cattolica Assicurazioni (parità) ha deciso di aderire all’offerta per l’intero 1% detenuto in UBI (a ieri aveva aderito l’1,359% del capitale).

Fiat Chrysler (-0,84%) non sta capitalizzando l’indiscrezione su un pacchetto di incentivi destinato prevalentemente all’automotive da 20 miliardi di euro che potrebbe essere varato dal governo.

Borse asiatiche in rosso

Seduta con il segno meno anche per i listini asiatici: ad Hong Kong l’indice Hang Seng arretra dell’1,4%, il TSE China A50 scende dell’1,15% e il Nikkei ha chiuso con un -0,87%.

Lettera anche sull’indice australiano, lo S&P/ASX 200, che ha terminato con un -0,61%.

Andamento Wall Street: -2% del Nasdaq (che segna nuovi record)

Dopo aver aggiornato il massimo storico a 10.824,79 punti, il Nasdaq ha invertito la rotta chiudendo con un -2,13%.

Perdita più contenuta per lo S&P500 (-0,94%) e parità del Dow Jones (+0,04%).

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1144 voti

VOTA ORA