UBS: maxi perdita da 2MLD. Il nuovo caso Kerviel

UBS, MAXI PERDITA - UBS AG (UBSN), la più grande banca della Svizzera, potrebbe chiudere il terzo trimestre in passivo. Il motivo? 2 miliardi di dollari persi a causa di un’operazione di trading non autorizzata nella sua banca di investimento. A Londra, la polizia ha arrestato un uomo, un 31enne sospettato di frode.

Il management di UBS si propone di «andare a fondo della questione il più rapidamente possibile, e non risparmieremo alcuno sforzo per stabilire esattamente cosa è successo», ha dichiarato in una nota ai dipendenti il board del gruppo, guidato dal Chief Executive Officer Oswald Gruebel. «Anche se la notizia è dolorosa, non cambia la forza fondamentale della nostra azienda».

La banca si è inabissata: il titolo ha perso oltre il 9,6 per cento nel trading svizzero a seguito dell’annuncio. Un duro colpo per Gruebel, che sta tentando di far rivivere la prestigiosa banca d’affari dopo che la divisione dell’investment banking aveva subito la maggior parte dei 57,2 miliardi di franchi svizzeri ($ 65 miliardi) di svalutazioni e perdite legate alla crisi dei subprime, portando UBS al centro di una bufera e costringendola a tre anni di esercizio in rosso, fino al 2009. Quest’ultima perdita potrebbe rinvigorire l’appello rivolto a Gruebel perchè riduca o spenga l’unità.

“Quante volte ancora dobbiamo vedere UBS subire perdite enormi?”, ha detto Simon Maughan, responsabile della vendita e distribuzione a MF Global Ltd. a Londra. «Questo potrebbe essere un punto critico per un ribaltamento della strategia di UBS».

UBS, ha dichiarato in una nota che la questione è ancora oggetto di indagine, e che la «stima attuale della perdita è nel range di $ 2 miliardi». Nessuna posizione dei clienti è stata colpito”, ha dichiarato UBS senza aggiungere ulteriori commenti.

UBS ha dovuto aumentare di oltre $ 46 miliardi il capitale proveniente dagli investitori, tra cui lo stato svizzero, per compensare le perdite record accumultae durante la crisi del credito. L’unità di investment banking aveva un utile ante imposte di 1,21 miliardi di franchi nella prima metà del 2011, mentre UBS nel suo insieme registrava un utile netto di 2,82 miliardi di franchi nello stesso periodo.

Mentre la perdita è «gestibile» per UBS, è «ovviamente non utile per il sentiment e la fiducia nella gestione del rischio della banca, che segue la drammatica esperienza del 2008-2009,» ha dichiarato Andrew Lim, analista di Espirito Santo Investment Bank a Londra
Lim aveva stimato nel terzo trimestre un utile netto di 1,1 miliardi di franchi per UBS.
UBS il Mese scorso ha detto che eliminerà circa 3,500 posti di lavoro, con circa il 45 per cento delle riduzioni nella divisione investment bank.

Arresto a Londra. Il nuovo Kerviel di UBS

Un uomo non identificato di 31 anni, è stato arrestato nel centro di Londra alle 3:30 del mattino per «sospetto di frode per abuso di posizione», ha detto la polizia in un comunicato . L’uomo rimane in custodia e l’inchiesta è stata avviata, prosegue la nota.
Il giornale Svizzero Neue Zuercher Zeitung, citando la banca, ha riferito che la perdita si è svolta nel reparto titoli azionari di Londra, ed è stato scoperta ieri pomeriggio. Il portavoce di UBS, Tatiana Togni, ha rifiutato di confermare o negare la relazione.

Tutti sanno che trade fa rima con rischio. Quello di perdere cospicue somme di denaro. Ma in questo caso, non il primo e così raro, si tratta verosimilmente di traders disonesti le cui abitudini al trade sono selvaggiamente eccessive, sconsiderate, o non autorizzate. Non agiscono per avidità. Non si preoccupano dei soldi. Si preoccupano di vincere.Violano i loro limiti operativi, e spesso inventano elaborate coperture per nascondere le loro perdite. La loro attività è nella zona grigia, tra illegalità civile e penale per il fatto che il trader è un legittima dipendente di una società o ente, ma conclude operazioni per conto del datore di lavoro senza permesso.
Il caso più famoso fu quello di Jerome Kerviel, il trader che fece storia e costò alla banca francese Société Générale € 4.900.000.000 ($ 6 miliardi di dollari) nel 2008.
I dettagli del nuovo caso Kerviel sono ancora da chiarire ma circola già il nome del presunto colpevole: si tartterebbe del trentunenne Kweku Adoboli, cittadino ghanese che secondo rumors non confermati sarebbe l’uomo arrestato nella notte dalla polizia per «frode generata abusando della propria posizione». Adoboli lavora al desk Etf della divisione europea di Ubs a Londra.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.