Quota 100 e Quota 41: la riforma delle pensioni spiegata da Salvini

Matteo Salvini ha svelato la riforma delle pensioni nell’ultimo libro di Bruno Vespa: dalla Quota 100 alla Quota 41, ecco come cambierà il sistema previdenziale italiano nei prossimi mesi.

Quota 100 e Quota 41: la riforma delle pensioni spiegata da Salvini

In campagna elettorale Matteo Salvini è stato il principale fautore della riforma delle pensioni, promettendo ai cittadini la cancellazione della Legge Fornero nel caso in cui la Lega fosse andata al Governo.

Otto mesi dopo ecco che nella Legge di Bilancio 2019 vengono stanziate le risorse (6,7 miliardi di euro) per un fondo da utilizzare per l’attuazione di nuove misure per il pensionamento anticipato. Uno di queste misure, come è noto, sarà Quota 100 che tuttavia non sarà presente nella manovra finanziaria poiché sarà approvata tramite un provvedimento ad hoc.

Quota 100 comunque sarà limitata e con dei paletti: per andare in pensione in anticipo, infatti, bisognerà aver maturato 38 anni di contributi, per un minimo di 62 anni di età. Si parlerà di Quota 100, quindi, solamente per coloro che andranno in pensione a 62 anni, mentre per gli anni successivi di Quota 101 (63+38), Quota 102 (64+38) e così via.

La riforma delle pensioni, quindi, sarà ridimensionata rispetto alle promesse fatte dalla Lega in campagna elettorale, dal momento che con la sola introduzione della Quota 100 non si potrà parlare di eliminazione della Legge Fornero; la riforma del 2011 non sarà superata, tant’è che nel 2019 comporterà l’aumento dell’età pensionabile per la pensione di vecchiaia e (salvo sorprese dell’ultimo minuto) anticipata.

Con Quota 100, inoltre, saranno introdotte delle finestre di accesso alla pensione così da evitare che si vada in pensione “tutti e subito”; di questa novità, così del superamento della Legge Fornero e della riforma delle pensioni che sarà attuata nel 2019 (e non solo) ne ha parlato Matteo Salvini in un’intervista pubblicata sull’ultimo libro di Bruno Vespa (“Rivoluzione. Uomini e retroscena della Terza Repubblica”, in uscita il 7 novembre prossimo).

Il vicepremier, nonché attuale Ministro dell’Interno, fa chiarezza sulla motivazione che ha portato il Governo a prevedere delle finestre di accesso per Quota 100, oltre a svelare i prossimi obiettivi per la riforma delle pensioni. Vediamo quindi quanto ha affermato Salvini e cosa ci attende per il futuro.

Matteo Salvini: vi spiego perché Quota 100 avrà delle finestre di accesso

Chi ha già maturato i requisiti per Quota 100 - almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi - e chi lo farà nei primi mesi del 2019 dovrà attendere la primavera, probabilmente fino al mese di aprile, per andare in pensione.

Questo perché per Quota 100 sarà istituito nuovamente il meccanismo delle finestre di accesso. Nel dettaglio, con queste si stabilisce che non si potrà andare in pensione una volta raggiunti i suddetti requisiti, poiché bisognerà attendere anche l’apertura della prima finestra utile successiva.

Ad esempio, chi compie 62 anni a maggio (e nel contempo ha maturato almeno 38 anni di contributi) non potrà andare subito in pensione poiché dovrà attendere l’apertura della finestra successiva che dovrebbe essere in programma per luglio.

Come dichiarato da Salvini, infatti, nel 2019 saranno previste dalle “tre alle quattro finestre di accesso”. Secondo le ultime indiscrezioni, in realtà ce ne saranno tre (aprile, luglio e ottobre) visto che la quarta - alla quale potranno accedere coloro che maturano i suddetti requisiti tra ottobre e dicembre - sarà in programma a gennaio 2020.

Ma per quale motivo il Governo ha deciso di introdurre le finestre di accesso, facendo “storcere la bocca” ai potenziali beneficiari della Quota 100? Salvini si è giustificato dicendo di non poter permettere che in alcuni settori chiave dell’amministrazione pubblica - vedi scuole e ospedali - vadano in pensione “di bottooltre 100mila persone. La regolarità delle funzioni della PA deve essere garantita, ed è per questo che “bisogna procedere gradualmente e con giudizio per evitare gli esodi di massa”.

Per questo motivo, almeno per il 2019, con Quota 100 si procederà a scaglioni. Nel 2019 poi se ne riparlerà, visto che la riforma delle pensioni non si fermerà a quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2019.

Riforma delle pensioni: Quota 41 l’obiettivo finale

L’introduzione della Quota 100, come anticipato, non comporta il superamento della Legge Fornero; è vero che dà ai lavoratori un’opzione ulteriore per il pensionamento anticipato, ma da qui a parlare di cancellazione della riforma del 2011 - che ha stravolto l’allora sistema previdenziale - ce ne passa.

Ecco perché il Governo continuerà a lavorare anche dopo l’attuazione di Quota 100 al fine di perseguire, al più presto, l’obiettivo finale indicato sia dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio che da quello dell’Interno Matteo Salvini.

Nel dettaglio, è quest’ultimo a ribadire, nell’intervista pubblicata dall’ultimo libro di Bruno Vespa, che l’obiettivo finale sarà quello di estendere a tutti i lavoratori, non solo ai precoci, la possibilità di andare in pensione con Quota 41, ossia al raggiungimento dei 41 anni di contributi (+5 mesi per effetto dell’adeguamento con le aspettative di vita) indipendentemente dall’età anagrafica.

Ogni nuovo passo per la riforma delle pensioni però dovrà essere ponderato dal momento che - come confermato da Salvini - bisognerà fare attenzione al Bilancio; nel dettaglio, conclude il leader della Lega, “sarà necessario procedere con cautela per evitare che l’Europa ci crocifigga”.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Pensione

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.