Reddito di cittadinanza: spetta con un immobile intestato?

Il reddito di cittadinanza è il sussidio per il contrasto alla povertà che è in vigore dal 2019. Si può richiedere se si è intestatari di un immobile?

Reddito di cittadinanza: spetta con un immobile intestato?

Il reddito di cittadinanza è una strumento di contrasto alla povertà introdotto dal decreto numero 4 del 2019. Può essere erogato solo nel caso che il richiedente risponda a precisi requisiti reddituali, patrimoniali ed immobiliari. Vediamo cosa accade se si è intestatari di un immobile.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno .sono attualmente senza lavoro non ho alcun reddito da 6 mesi; posso chiedere il reddito di cittadinanza?
Anche se ho un immobile a me intestato ?
Grazie saluti”

Reddito di cittadinanza: spetta con un immobile?

Il reddito di cittadinanza pone determinati requisiti da rispettare per rientrare nel diritto al sussidio ed uno di questi riguarda proprio il patrimonio immobiliare.

Fermo restando il rispetto degli altri requisiti richiesti, ovvero ISEE inferiore a 9360 euro l’anno, patrimonio inferiore a 6000 euro (aumentato in base ai componenti del nucleo familiare), è necessario rispettare anche il requisito immobiliare.

Per essere destinatari del sussidio, infatti, è necessario possedere un patrimonio immobiliare che non superi i 30mila euro. Da tale importo, però, deve essere esclusa la casa di abitazione.

Nel suo caso, quindi, se l’immobile in suo possesso è quello in cui vive, per quanto riguarda il reddito di cittadinanza lo stesso non fa testo. Se invece l’immobile posseduto è diverso dalla casa di abitazione deve rientrare nel limite del valore di 30mila euro.

In ogni caso se presenterà domanda di reddito di cittadinanza e non percepisce redditi da 6 mesi, l’ISEE su cui si baserà la spettanza del diritto è quello 2020, riferito a redditi e patrimonio del 2018. Può capitare che un possibile beneficiario, attualmente senza reddito, avesse nel 2018 redditi che non gli consentano l’accesso al sussidio, in questo caso il mio consiglio è quello di integrare la dichiarazione ISEE con l’ISEE corrente (se in possesso dei requisiti per richiederlo).

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1080 voti

VOTA ORA