Reddito di cittadinanza: l’importo percepito è giusto?

Reddito di cittadinanza, la misura per contrastare la povertà in Italia. Molto spesso i beneficiari, però, si stupiscono delle cifre troppo basse ricevute. Chiariamo i dubbi.

Reddito di cittadinanza: l'importo percepito è giusto?

L’importo del reddito di cittadinanza è determinato da diversi fattori tra i quali il reddito ISEE, il reddito del nucleo familiare e anche il numero di componenti del nucleo familiare. L’importo base che spetterebbe ad un richiedente solo senza reddito è di 500 euro mensili, aumentato a 780 euro se paga l’affitto e a 650 euro se paga il mutuo della casa di proprietà.

In questo articolo proveremo a rispondere a dubbi e domanda di alcuni lettori di Money.it.

Reddito di cittadinanza, l’importo è giusto?

  • “Buona sera mi scusi sono un cittadino italiano che non ha nessun patrimonio immobiliare e con reddito zero ho un reddito di cittadinanza di 500 euro secondo voi è corretto. Grazie”

Il richiedente che vive solo, senza reddito e con ISEE uguale a zero percepisce un reddito di cittadinanza pari a 500 euro mensili. Se vive in una casa di proprietà, in comodato d’uso o ha un contratto di affitto non registrato, quindi, l’importo percepito è corretto.

  • “Ho 70 anni, non percepisco alcun reddito, non ho proprietà, reddito ISEE pari a zero, vivo in una casa di un amico e non pago affitto. Percepisco un reddito di 500 euro. Ho la possibilità di percepire di più?”

Purtroppo no. Anche se non ha alcun reddito ed ha ISEE uguale a zero, per il richiedente che vive da solo e non paga né mutuo né affitto il massimo percepibile è di 500 euro mensili.

  • “Io vivo sola è percepisco 660€di RDC. Perché non 780?Da permettere che pago un affitto di 400€.Grazie per la cortese attenzione”

Molto probabilmente il suo ISEE non è uguale a zero e la somma presente sulla dichiarazione ISEE le viene sottratta dall’importo annuale spettante di reddito di cittadinanza oppure, in alternativa percepisce un reddito di 120 euro mensili che le abbassa l’importo spettante di sussidio. E’ ininfluente quanto paga mensilmente di affitto poiché il contributo dell’affitto è sempre di 280 euro mensili che si sommano all’importo mensile spettante di integrazione al reddito.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories