Reddito di cittadinanza: i guadagni del figlio possono essere ostativi?

Il reddito di cittadinanza va richiesto come nucleo familiare e non come singolo beneficiario. Ecco quando gli eventuali guadagni del figlio possono essere ostativi.

Reddito di cittadinanza: i guadagni del figlio possono essere ostativi?

Il reddito di cittadinanza, una misura introdotta nel 2019, è un sostegno al reddito del nucleo familiare. Per averne diritto il nucleo familiare richiedente deve essere in possesso di specifici requisiti patrimoniali, immobiliari e reddituali.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
La mia domanda è la seguente:
Io sono disoccupata e ho anche finito di percepire la naspi però mio figlio di 21 anni lavora e percepisce un reddito di circa 17.000 euro lorde l’anno.
Ho anche una figlia di 14 anni e sono separata legalmente.
Il reddito di mio figlio è un ostacolo per ottenere il reddito di cittadinanza? Il fatto che lui lavori può dare esito negativo alla domanda?
L’isee da presentare ad oggi è quello del 2018?
Grazie mille per l’aiuto e per l’attenzione. Saluti”

Reddito di cittadinanza e guadagni figlio

Il reddito di cittadinanza è corrisposto in base al reddito di tutto il nucleo familiare. Suo figlio, se fa parte del suo nucleo familiare, ha un reddito che deve essere considerato ai fini del sussidio, anche se lei al momento è disoccupata.

La soglia di reddito familiare entro la quale viene concessa la fruizione del reddito di cittadinanza è di 9360 euro l’anno.

In ogni caso per ricevere il reddito di cittadinanza nel 2020 l’ISEE da presentare è quello che prende in considerazione i redditi ed il patrimonio relativi al 2018, mentre se si presenta domanda nel 2021 l’ISEE si baserà sui redditi ed il patrimonio riferiti al 2019.

In ogni caso il fatto che suo figlio lavori ed abbia un suo reddito, pur facendo parte del suo nucleo familiare, può essere certamente ostativo per l’eventuale domanda per il reddito di cittadinanza. Il nucleo familiare del richiedente e’ costituito dai soggetti componenti la famiglia anagrafica alla data di presentazione della DSU, fatto salvo quanto stabilito dal presente articolo.

Di fatto, l’unico modo per fare sì che il reddito di suo figlio non influisca sulla sua domanda di sussidio è un cambio di residenza poiché finché suo figlio farà parte del suo stato di famiglia sarà incluso nel nucleo familiare ed i suoi guadagni saranno inseriti nell’ISEE.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories