Reddito di cittadinanza figli residenti con i genitori: cosa bisogna fare?

Lorenzo Rubini

10 Maggio 2021 - 13:37

condividi

Cosa deve fare un figlio che, pur vivendo solo mantiene la residenza con i genitori, per avere diritto al reddito di cittadinanza?

Reddito di cittadinanza figli residenti con i genitori: cosa bisogna fare?

Sono molti i giovani che, volevo approfittare della possibilità di ricevere il reddito di cittadinanza ambiscono all’indipendenza economica dalla famiglia di origine. Ma per i figli, soprattutto se molto giovani, le regole per accedere al reddito di cittadinanza sono diverse. Ad esempio se un figlio con età inferiore a 26 anni non indipendente economicamente decide di cambiare residenza rimane comunque nello stesso Isee dei genitori e, quindi, non può richiedere il sussidio.

Rispondiamo alla domanda di un giovane lettore di Money.it che ci scrive:

“Ciao, ho trovato questo link per porvi domande via mail, non so se ha un costo nel caso vorrei avere più info sui prezzi per una consulenza . La mia situazione in breve
Ho

  • 27 anni
  • Lavoro come rider ( un contratto da autonomo e l’altro da subordinato), max 450 euro netti totali.
  • Vivo da solo in una casa studenti-lavoratori e l’affittuario fa solo contratti transitori.
  • iscritto ad un corso serale di industria e artigianato.
  • nel nucleo siamo 4:(a parte me)
    Mia madre ->pensione reversibilità di mio padre (deceduto)di 600 euro circa
  • mia sorella di 28 anni->contratto da 30 ore in un bar
  • Mia sorella di 16 anni->studente
  • Mia madre possiede un auto ed una casa senza garage ne cantina.
  • Non ho sostegni da parte loro in quanto impossibilitato ad aiutarmi
    Il CAF mi dice che non posso percepire RDC fin quando non cambio residenza. ( Io ho più di 26 anni, single e sono indipendente!).
    Spero in una vostra risposta. Grazie.”

Reddito di cittadinanza figli

Premettiamo subito che le nostre consulenze sono sempre a titolo gratuito e non ci sono costi da sostenere per ricevere una nostra risposta. Ma veniamo al suo quesito.

La discriminante per i figli che non sono economicamente autosufficienti è l’età. Se inferiore a 26 anni, infatti, neanche il cambio di residenza permette di avere un nucleo familiare a parte, a meno che il ragazzo non abbia un reddito che gli permetta di non essere a carico dei genitori o nel caso sia sposato o con figli a sua volta.

Nel suo caso, avendo 27 anni ed avendo un reddito che le consente di non essere a carico dei suoi genitori la possibilità di chiedere il reddito di cittadinanza esiste, ma bisogna valutare se, effettivamente, le convenga spostare la residenza.

Le vado a spiegare. Per avere diritto al reddito di cittadinanza deve per forza spostare altrove la sua residenza altrimenti i redditi percepiti da sua sorella e da sua madre andranno ad incidere nell’Isee impedendole il diritto al sussidio.

Avendo, però, lei un reddito di circa 450 euro al mese mensili è bene sottolineare che non avrà diritto al reddito di cittadinanza in forma piena ma solo come integrazione del reddito già percepito: nel caso, quindi, non paghi contratto di affitto percepirebbe solo 50 euro mensili (l’integrazione al suo reddito che le permette di arrivare a 500 euro al mese, cifra spettante di RDC ai nuclei familiari composti da una sola persona).

Può spostare la sua residenza anche nella casa dove già vive visto che il contratto transitorio permette e richiedere anche il contributo affitto sul Reddito di emergenza, in questo caso l’importo mensile verrebbe integrato al massimo a 780 euro mensili (Se paga di affitto 280 euro al mese o più).

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti a Money.it