Reddito di cittadinanza: domanda, contratto di affitto e Isee

Lorenzo Rubini

29 Dicembre 2020 - 13:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Chiariamo alcuni dubbi che ci hanno palesato i nostri lettori su domanda di reddito di cittadinanza, contratto di affitto e Isee.

Reddito di cittadinanza: domanda, contratto di affitto e Isee

Non sempre è facile barcamenarsi nella burocrazia che, nella maggior parte dei casi, circonda benefici come il reddito di cittadinanza. Come si presenta la domanda indicando che si abita in una casa in affitto? Se al momento della richiesta si aveva un contratto di affitto ma nel corso della fruizione del sussidio tale contratto cambia, come si comunica? E l’Isee può essere aggiornato prima dell’inizio del nuovo anno?

In questo articolo cercheremo di rispondere agli interrogativi che ci hanno posto alcuni lettori di Money.it.

Reddito di cittadinanza e dubbi su affitto e Isee

  • “Devo rinnovare il reddito di cittadinanza. Nel precedente già percepivo il contributo affitto. Nella nuova domanda non ho trovato dove dichiarare che sono in affitto né dove inserire i dati del contratto di affitto. Forse l’Inps lo desume dal mio Isee?”

La condizione abitativa del nucleo familiare che richiede il reddito di cittadinanza risulta dalla dichiarazione Isee in corso di validità. In nessun passaggio della domanda per richiedere il beneficio, infatti, è possibile dichiarare che si vive in affitto e l’importo pagato mensilmente per l’abitazione, visto che tali informazioni sono desunte dall’INPS proprio dall’Isee in corso di validità.

  • “Ho fatto richiesta del reddito di cittadinanza ad agosto, quando abitavo in un monolocale concesso ad uso gratuito dai miei genitori alla mia famiglia. Ora a inizio dicembre, grazie al reddito di cittadinanza, ho potuto prendere in affitto un appartamento un pochino più grande che ci permette di avere anche una camera da letto separata dalla cucina. Come faccio a far sapere che ora pago un affitto di 300 euro al mese per ricevere sul reddito di cittadinanza il contributo affitto?”

Il calcolo della somma spettante mensilmente con il reddito di cittadinanza vengono calcolati sull’ultima DSU presentata, nella quale non risulta il contratto di affitto che ha stipulato solo ad inizio dicembre. Visto che la Dsu in corso di validità ha valenza fino al 31 dicembre e che i primi di gennaio (e comunque entro il 31 gennaio 2021) dovrà rinnovare l’ISEE, nella nuova dichiarazione può inserire i dati del contratto di affitto appena registrato.

In tal modo l’importo spettante mensilmente con il reddito di cittadinanza sarà adeguato tenendo conto anche del contributo per l’affitto.

  • “Per portarmi avanti con le cose da fare e per evitare le code ai CAF che inevitabilmente si verranno a creare con il nuovo anno, ho chiesto il rinnovo dell’Isee prima di Natale ma non hanno voluto farmelo. Sapete spiegarmi perchè?”

La validità dell’ISEE 2020 termina il 31 dicembre di quest’anno, prima della sua scadenza non è possibile chiedere un’altra dichiarazione ISEE visto che si baserebbe sugli stessi dati su cui si basa quella già prodotta. Per presentare il nuovo Isee dovrà attendere gennaio 2021.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories