Pensione, allarme povertà: 4 pensionati su 10 vivono con meno di 1.000 euro al mese

Marta Panicucci

2 Aprile 2014 - 15:52

condividi
Pensione, allarme povertà: 4 pensionati su 10 vivono con meno di 1.000 euro al mese

Dopo i dati sulla disoccupazione l’Istat ha anche pubblicato i dati che riguardano le pensioni. Secondo l’istituto di statistica 4 pensionati su 10 vivono con meno di 1.000 euro al mese, si tratta del 42,6% del totale.

Il nuovo rapporto dell’Istat sul sistema previdenziale mette inoltre in evidenza che il 38,7% dei pensionati percepisce tra 1.000 e 2.000 euro, il 13,2% tra 2.000 e 3.000 euro; il 4,2% tra 3.000 e 5.000 euro e il restante 1,3% percepisce un importo superiore a 5.000 euro. Lo 0,1% inoltre ha un reddito da 10 mila euro.

Si legge inoltre che le donne rappresentano il 52,9% dei pensionati e percepiscono assegni di importo medio inferiore rispetto a quello degli uomini: 13.569 euro delle donne contro i 19.395 degli uomini. Secondo i dati Istat oltre la meta’ delle donne riceve meno di mille euro al mese, a fronte di circa un terzo (32,2%) degli uomini.

I sindacati italiani, visti i dati sulle pensioni, si dicono allarmati e chiedono l’intervento del governo: «I pensionati italiani vivono in una condizione di grande difficolta’ e avrebbero bisogno di una scossa. Il governo pero’ li ignora e non sembra preoccuparsene», afferma lo Spi Cgil. Sulla stessa linea la Fnp Cisl: «Il governo prenda atto che non e’ piu’ possibile lasciare i pensionati nello stato di difficolta’ in cui versano». Infine anche la Uilp invita l’esecutivo a intervenire: «Dai dati Istat sulle pensioni diffusi oggi, emerge con chiarezza l’esistenza di un problema di adeguatezza delle pensioni».

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it