Grecia: vittoria netta del NO ma Varoufakis si dimette

Flavia Provenzani

06/07/2015

27/09/2015 - 10:27

condividi

Nonostante la storica vittoria del NO al referendum in Grecia, il ministro delle finanze Greco Varoufakis conferma le sue dimissioni: le trattative con i leader europei andranno avanti senza di lui.

Grecia: vittoria netta del NO ma Varoufakis si dimette

Proseguono gli sviluppi straordinari sul retroscena dello storico referendum in Grecia il ministro delle Finanze greco Varoufakis ha annunciato le sue dimissioni nelle prime ore della mattina di lunedì.

In una decisione che rischia di innescare ulteriori preoccupazioni sul ruolo degli altri leader europei nella politica interna della Grecia, Varoufakis ha riferito di essere a conoscenza della preferenza di «alcuni partecipanti europei» per una sua assenza nel corso delle prossime trattative sul debito greco.

Ti interesserà anche: Forex, euro-dollaro e referendum in Grecia: vendere o comprare Euro?

Il post è stato pubblicato sul blog Varoufakis e non c’è nulla che suggerisca che non sia autentica. Ha seguito poi un post sul suo account Twitter ufficiale.

La presenza Varoufakis nelle prossime trattative stava diventando sempre più difficile a causa dei commenti dell’ormai ex ministro circa il ruolo dei leader europei.
In una intervista pubblicata sabato, ha accusato i creditori del paese di terrorismo:

«Quello che stanno facendo con la Grecia ha un nome: terrorismo»

ha detto Varoufakis allo spagnolo El Mundo.

«Quello che Bruxelles e la troika vogliono oggi è che vinca il sì in modo da poter umiliare i Greci. Perché ci costringono a chiudere le banche? Per instillare paura nella gente. E diffondere la paura si chiama terrorismo».

Domenica sera, inoltre, aveva promesso di dimettersi in caso di un voto favorevole nell’esito del referendum. Nonostante però abbia vinto il NO, Varoufakis è rimasto fedele alla decisione di dimettersi.

Ecco un breve riassunto di come gli eventi allo stato attuale:

  • Alexis Tsipras ha chiesto un incontro politico che si terrà in Grecia lunedì mattina alle 10:00 per discutere dell’esito del referendum.
  • I greci ha votato in massa NO al piano dei creditori al referendum, con oltre il 60% di voto contrario in una mossa che mostra una decisione politica popolare rivoluzionaria.
  • I mercati finanziari di tutto il mondo hanno reagito con preoccupazione all’esito del referendum in Grecia, sul timore di un’uscita della Grecia dall’Eurozona.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.