Grecia: colloqui per accordo in crisi, FMI abbandona le trattative. Default in arrivo?

Flavia Provenzani

12 Giugno 2015 - 15:07

condividi

Il FMI abbandona le trattative a Bruxelles per la ricerca di un accordo sulle riforme tra la Grecia e i suoi creditori; crisi sulle trattative. L’Europa si prepara al default.

Grecia: colloqui per accordo in crisi, FMI abbandona le trattative. Default in arrivo?

La situazione di stallo tra la Grecia e i suoi creditori riguardo alle riforme sono andate di male in peggio giovedì, con il Fondo monetario internazionale (FMI) che decide di abbandonare i colloqui, gettando in crisi le trattative.

I colloqui tra la Grecia e gli organi che sovrintendono il suo programma di salvataggio hanno dovuto affrontare numerosi ostacoli nel corso degli ultimi quattro mesi.

Tuttavia, la situazione è peggiorata ieri quando il FMI ha annunciato che la sua delegazione avrebbe lasciatoi negoziati a Bruxelles a causa dei «grandi divergenze» con Atene su come salvare il Paese dalla bancarotta.

Jakob Christensen, economista senior presso Exotix, ha detto alla CNBC che la decisione del FMI ha inviato un «messaggio chiaro» alla Grecia di aver bisogno di scendere a compromessi - e velocemente.

«(La decisione del FMI) invia un segnale chiaro al governo greco che la posta in gioco è molto alta e non c’è molto spazio per ulteriori concessioni da parte del FMI»,

ha detto Christensen venerdì.

«Il FMI si è mosso molto già dall’inizio delle trattative, sia sugli obiettivi di bilancio e sulle riforme delmercato del lavoro, e ora non è disposto ad andare oltre.»

Gli alti funzionari dell’Unione Europea si sono confrontati formalmente su un possibile default del debito greco per la prima volta, come ha riferito venerdì Reuters citando fonti anonime.

Le stesse hanno commentato che il raggiungimento di un accordo entro la fine del mese di giorno è diventato ormai uno degli scenari meno probabili.

Nonostante questo, il Ministro di Stato della Grecia, Alekos Flabouraris, rimane ottimista sul fatto che un accordo possa essere raggiunto la prossima settimana, quando si riuniranno ancora i ministri delle Finanze all’Eurogruppo.

«Spero che un accordo arrivi molto presto, il 18 giugno, quando si riunirà l’Eurogruppo»

riferisce Flabouraris.

La mossa inaspettata del FMI porterà ancora più pressione sulla Grecia già in difficoltà. Il primo ministro Alexis Tsipras si è scontrato con i creditori sulle riforme, in particolare sulle modifiche alle imposte, le pensioni e il mercato del lavoro.

Parlando ai giornalisti a Bruxelles, dove i colloqui si sono svolti giovedì, il portavoce del FMI Gerry Rice ha detto ai giornalisti:

«Ci sono grandi differenze sulla maggior parte delle questioni chiave».

«Non vi sono stati progressi nella riduzione di queste differenze recentemente, e quindi siamo ben lontani da un accordo.»

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.