Fiat, Marchionne: «A Mirafiori sono partiti gli investimenti». Si attende piano industriale a maggio

Marta Panicucci

06/03/2014

06/03/2014 - 18:47

condividi

Sergio Marchionne tranquillizza gli scettici:

«Nessuna battuta d’arresto. A Mirafiori gli investimenti sono partiti. Stiamo organizzando lo stabilimento, vedremo le prime scocche nel 2015».

Marchionne parla al Salone dell’Auto di Ginevra, dopo l’incontro mattutino con i colleghi dell’Acea, l’Associazione dei costruttori europei.

A Mirafiori sarà costruito il suv Levanto Maserati e un altro modello simile targato però Alfa. Ma per lo stabilimento torinese potrebbe esserci in programma anche di più. Grande attesa per il 6 maggio, giorno in cui Marchionne presenterà a Detroit il piano industriale di Fiat e Chrysler. In quella occasione l’ad Fiat indicherà il polo presso il quale sarà realizzata la Maserati Alfieri. Lo stabilimento scelto potrebbe essere Mirafiori. Lo stesso Marchionne non esclude questa soluzione: «La piattaforma e i motori ci sono, teoricamente si potrebbe fare in 24 e 28 mesi. Alfieri è una macchina di una bellezza straordinaria: è una delle cose che completerebbe la linea della Maserati».

Da Torino, risponde sul tema il sindaco Piero Fassino:

«Gli investimenti su Mirafiori sono un’altra buona notizia che conferma che Torino continua a essere non solo un’importante città industriale, ma un presidio strategico del gruppo Fiat Chrysler. Sono stato uno dei pochi in città che ha sempre pensato che la vulgata, l’idea un po’ sciocca, che la Fiat se ne andasse da Torino, non era fondata. Ora arrivano notizie che dimostrano che la Fiat non solo non se ne va, ma vuole investire ancora».

Iscriviti a Money.it