Cina: export crolla del 10%. Nuove paure per economia mondiale

La debolezza della bilancia commerciale cinese alimenta la preoccupazione sulle prospettive per l’economia mondiale.

Cina: export crolla del 10%. Nuove paure per economia mondiale

Le esportazioni dalla Cina sono scese oltre le aspettative per il mese scorso, sottolineando la prosecuzione della debolezza della domanda a livello mondiale - fattore assai pesante per la seconda economia più grande del mondo.

Il crollo delle esportazioni cinesi del 10% rispetto allo scorso anno segna il sesto crollo mensile consecutivo e fa seguito alla discesa del 2.8% già segnalata per agosto, come riportato dall’Amministrazione generale delle dogane sul Calendario Economico. Il crollo delle esportazioni cinesi è stato per lo più inaspettato: gli analisti si aspettano un calo in media del 3.2%.

Le importazioni, invece, sono scese dell’1,9% a settembre rispetto all’anno precedente, annullando l’aumento dell’1,5% di agosto e al di sotto delle previsioni degli analisti. La discesa delle importazioni e delle esportazioni ha portato il surplus commerciale in Cina in calo a $41,99 miliardi a settembre, contro i $52,05 miliardi segnalati ad agosto.

I dati sulla bilancia commerciale cinese sono deludenti e mettono in luce come i fondamentali dell’economia siano ancora piuttosto deboli, aggiungendo nuove preoccupazioni alle prospettive di crescita a livello mondiale.

La crescita interna si è stabilizzata poco dopo la decisione di Pechino di continuare con una politica monetaria accomodante e aumentare la spesa per le infrastrutture, ma permangono problemi più profondi come la debolezza degli investimenti privati, il debito societario crescente e un eccesso diffuso della capacità industriale.

Difficile non colpevolizzare però la debolezza della domanda mondiale per il peggioramento della performance commerciale di settembre.
Gli scambi commerciali sono scesi con tutti i partner principali della Cina il mese scorso. L’Organizzazione mondiale del commercio prevede che il commercio mondiale crescerà del 2,8% quest’anno, il che segnerebbe il quinto anno consecutivo con una performance al di sotto del 3%.

Anche l’estrema forza delle esportazioni di un anno rendono preoccupanti i dati pubblicati questa notte.

A pesare sul commercio cinese di settembre, inoltre, troviamo i problemi di produzione del gigante sudcoreano Samsung Group e la sua recente decisione di smettere di vendere il suo Galaxy Note 7. La Cina è una parte molto importante della filiera di produzione di smartphone-

Le spedizioni all’estero dalla Cina, un tempo un importante generatore di crescita, sono diminuite in 14 degli ultimi 15 mesi, pensando sull’economia in generale.

Qualcuno si aspetta già una nuova svalutazione dello yuan fa parte di Pechino nei prossimi mesi per rendere le esportazioni più accessibili.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.