Borsa Milano Oggi, 9 luglio 2020: Ftse Mib chiude in rosso, Atlantia sprofonda

Dopo un inizio sopra la parità, la Borsa di Milano oggi, 9 luglio 2020, ha chiuso la seduta in territorio negativo. A Piazza Affari spicca, in negativo, la performance di Atlantia. Spread stabile.

Borsa Milano Oggi, 9 luglio 2020: Ftse Mib chiude in rosso, Atlantia sprofonda

Dopo una prima parte in positivo, la Borsa di Milano oggi ha chiuso la seduta in rosso. In linea generale, possiamo dire che l’ottimismo innescato da alcune indicazioni macroeconomiche (oggi è stata la volta dell’inflazione cinese) si trova a fare i conti con i timori sulla pandemia.

Gli Stati Uniti hanno superato i tre milioni di contagiati e, secondo quanto dichiarato da Anthony Fauci al Corriere della Sera, “siamo soltanto all’inizio della pandemia globale che, molto probabilmente, peggiorerà ulteriormente”.

In corrispondenza della chiusura delle contrattazioni in Europa, l’eurodollaro quota in calo a 1,12920 (-0,33%) mentre il future con consegna settembre sul Brent perde oltre 2 punti percentuali a 42,3 dollari il barile.

Borsa Milano Oggi, aggiornamento ore 17:40: Piazza Affari in rosso, Atlantia sotto attacco

In chiusura di seduta, l’indice delle blue chip, il Ftse Mib si è fermato a 19.505,95 punti, -1,98% sul dato precedente mentre lo spread con i titoli tedeschi non ha fatto registrare variazioni di rilievo confermandosi a 166 punti.

Sul paniere principale di Piazza Affari spicca il -8,29% di Atlantia dopo che la Corte Costituzionale ha stabilito che il decreto con cui il governo ha escluso la società dalla ricostruzione del ponte Morandi è legittimo, peggiorando la posizione della famiglia Benetton.

Grande attesa per il Cda della società e per l’incontro informale di una delegazione di Aspi con i funzionari del ministero dei Trasporti.

Perdita decisamente più contenuta per Fiat Chrysler (-1,88%), dopo la notizia che un giudice statunitense ha respinto la causa intentata da GM sulla presunta corruzione del sindacato Uaw.

In un comparto bancario in gran parte negativo, spicca il +0,79% di MPS che ha capitalizzato la volontà del Ministro dell’economia Gualtieri di uscire dal capitale entro il 2021 (attualmente il Tesoro ha il 68%).

Denaro anche su Cerved (+2,36%) che, secondo le indiscrezioni, si sarebbe rimessa alla ricerca di un partner per la propria divisione NPL.

Borsa Milano Oggi, aggiornamento ore 12:55: Ftse Mib in rosso, crolla Atlantia

A Milano l’indice delle blue chip, il Ftse Mib, a metà seduta quota 19.765,12 punti, -0,68% sul dato precedente.

Contrazione anche per Ftse100 (-0,66%) e Cac40 (-0,1%) mentre il Dax sale di un punto percentuale.

Sul paniere principale di Piazza Affari tonfo di Atlantia (-5,17%) dopo che il premier Conte ha detto di voler chiudere la questione della concessione entro la fine della settimana.

Intanto la Corte Costituzionale ha stabilito che il decreto con cui il governo ha escluso la società dalla ricostruzione del ponte Morandi è legittimo, peggiorando la posizione della famiglia Benetton (Atlantia crolla in Borsa. Ultimatum di Conte: proposta sia vantaggiosa o scatterà revoca).

In contrazione anche Fiat Chrysler (-0,8%) nonostante un giudice statunitense abbia respinto la causa intentata da GM sulla presunta corruzione del sindacato Uaw.

Future Wall Street: prevista apertura contrastata

A due ore e mezza dell’avvio delle contrattazioni, il derivato sul Dow Jones registra un -0,36% e quello sullo S&P500 scende dello 0,18%.

In controtendenza il future sul Nasdaq che, all’indomani dell’ennesimo massimo storico, sale di un quarto di punto percentuale.

Piazza Affari, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib parte positivo, tonfo di Atlantia

A Milano l’indice delle blue chip, il Ftse Mib, nei primi scambi della seduta odierna, 9 luglio 2020, quota 19.960,50 punti, +0,31% sul dato precedente.

Avvio di seduta sopra la parità anche per il Dax (+0,86%), Cac40 (+0,11%) e Ibex (+0,2%). Piatto il listino della City, il Ftse100 (-0,07%).

Sul mercato dei titoli di Stato, lo spread con i titoli tedeschi segna un deciso calo a 153 punti base, -7,89% rispetto dato precedente. “Utilizzeremo il MES se necessario. Non c’è uno stigma”, ha detto il Ministro dell’economia Gualtieri nel corso di un incontro organizzato da Bloomberg (MES, Gualtieri: l’Italia lo utilizzerà se necessario).

Sul paniere principale di Piazza Affari tonfo di Atlantia (-4,55%) dopo che il premier Conte ha detto di voler chiudere la questione della concessione entro la fine della settimana. Ieri la questione concessioni è tornata di forte attualità dopo l’affidamento della gestione del nuovo Ponte di Genova alla stessa Aspi.

Intanto la Corte Costituzionale ha stabilito che il decreto con cui il governo ha escluso la società dalla ricostruzione del ponte Morandi è legittimo, peggiorando la posizione della famiglia Benetton.

Avvio positivo invece per Fiat Chrysler (+0,42%) grazie alla notizia che un giudice statunitense ha respinto la causa intentata da GM sulla presunta corruzione del sindacato Uaw.

Tra i bancari, parità di Intesa Sanpaolo che, finora, nell’ambito dell’offerta su Ubi Banca (+0,48%), ha raccolto adesioni pari allo 0,546%.

Andamento positivo delle Borse asiatiche

Seduta positiva per i listini asiatici: ad Hong Kong l’indice Hang Seng quota in parità, il TSE China A50 registra un +0,39% e il Nikkei ha chiuso con un +0,4%.

Acquisti anche sull’indice australiano, lo S&P/ASX 200, che ha terminato con un +0,59%.

Andamento Wall Street: nuovi record del Nasdaq

Non si ferma la corsa di Wall Street: il Dow Jones ha terminato con un +0,68%, lo S&P500 ha chiuso con un +0,78% e il Nasdaq è salito dell’1,44% toccando un nuovo picco di poco sotto i 10.500 punti (10.494,64).

Una spinta per i mercati a stelle e strisce è arrivata dalle parole del n.1 della Fed di Boston, Eric Rosengren, che ha fatto sapere che il programma che prevede linee di credito per le grandi aziende, il Main Street Lending Program, sarà rinnovato.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories