Borsa Italiana Oggi, 6 ottobre 2021: Ftse Mib recupera ma chiude in rosso

Luca Fiore

06/10/2021

06/10/2021 - 17:56

condividi

Anche se lontana dai minimi intraday, la Borsa Italiana oggi, 6 ottobre 2021, ha chiuso in rosso. Sul Ftse Mib spicca, in negativo, l’andamento del comparto energetico. Prese di beneficio sul petrolio.

Borsa Italiana Oggi, 6 ottobre 2021: Ftse Mib recupera ma chiude in rosso

Giornata negativa per la Borsa Italiana oggi: sul Ftse Mib spiccano le vendite sui titoli del comparto energetico.

Nel corso della seconda parte buone nuove sono arrivate dalla Russia, dove il presidente Putin ha annunciato che saranno messe in campo misure per stabilizzare il mercato energetico.

La notizia ha fatto il paio con le indicazioni migliori delle stime arrivate dal mercato del lavoro USA, dove le buste paga nel settore privato (stima ADP) a settembre sono salite di 568 mila unità.

Dopo tre sedute in deciso rialzo, il future sul Brent segna un -1,7% a 81,2 dollari al barile, mentre l’eurodollaro scende di mezzo punto percentuale a 1,15397.

Borsa Italiana Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib riduce le perdite

La seduta del paniere principale di Piazza Affari, il Ftse Mib, si è chiusa a 25.605,73 punti, -1,35% rispetto al dato precedente.

Andamento speculare per lo spread, salito di oltre due punti percentuali a 107 punti base.

Le prese di beneficio sul greggio hanno innescato le vendite sui titoli del comparto oil: Eni ha segnato un -1,54%, Tenaris è scesa del 4,29% e Saipem ha lasciato sul campo il 4,2%.

Giornata negativa anche per Pirelli (-2,39%), Stellantis (-3,56%) e CNH Industrial (-3,8%).

UniCredit ha contenuto le perdite con un -0,25% mentre Banco BPM ha guadagnato lo 0,11%.

Tra i bancari, +0,67% di Monte dei Paschi di Siena dopo la notizia della vendita di 36,3 milioni di azioni proprie, pari al 3,62% del capitale.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib in decisa contrazione

Poco prima delle 13 il Cac40 scende del 2,19%, il Dax del 2,37% ed il Ftse Mib lascia sul campo il 2,2%.

Tra le performance peggiori troviamo Stellantis (-4,07%), CNH Industrial (-3,87%) e Pirelli (-2,89%).

Contengono le perdite Banco BPM (-0,9%) e UniCredit (-1,3%).

Aumento di oltre il 3% per lo spread Btp-Bund a 108 punti base.

Future Wall Street: attesa apertura in profondo rosso

Il derivato sul Dow Jones registra un -1,09%, quello sullo S&P500 un -1,28% e il future sul Nasdaq arretra dell’1,5%.

Aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib parte debole

Il Ftse100 in avvio di seduta perde un punto percentuale, il Cac40 segna un -1,36%. il Dax un -1,45% ed il nostro Ftse Mib arretra dell’1,23% a 25.636,18 punti.

Le performance peggiori sul listino delle blue chip sono registrate dai titoli del comparto industriale: Prysmian in avvio perde l’1,46%, Stellantis scende dell’1,39% e CNH Industrial lascia sul campo l’1,1%.

Contengono le perdite UniCredit (-0,24%) e Intesa Sanpaolo (-0,44%).

Tra i bancari, +0,22% di Monte dei Paschi di Siena dopo la notizia della vendita di 36,3 milioni di azioni proprie, pari al 3,62% del capitale. L’operazione implica un impatto positivo sul Cet1 2021 stimato in 10 punti base.

Cattolica (-0,07%) ha annunciato che porterà in adesione all’Opa di Generali (-0,61%) le azioni proprie, pari all’11,8%

In rosso Webuild (-0,91%): la statunitense Lane si è aggiudicata un contratto da 441 milioni di dollari in Virginia.

Nel settore dei titoli di Stato, lo spread Btp-Bund sale di quasi un punto percentuale a 106 punti base.

Borse Asia: Tokyo in calo di un punto percentuale

Con il il China A50 chiuso per festività, l’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, registra un -0,78% e l’australiano S&P/ASX 200 ha terminato con un -0,58%.

In rosso Tokyo, dove il Nikkei ha segnato un -1,05%.

Wall Street: indici chiudono positivi

La seduta a Wall Street si è chiusa con il Dow Jones in rialzo dello 0,92%, con lo S&P500 che ha segnato un +1,05% e con il Nasdaq in aumento dell’1,25%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.