Licenziamento

Il licenziamento è un provvedimento con cui il datore di lavoro pone fine ad un rapporto lavorativo ed è individuato come un istituto del diritto del lavoro.

Con il licenziamento, dunque, il datore di lavoro può decidere di interrompere un rapporto di lavoro con un suo dipendente, ma la legge disciplina diverse tipologie di licenziamento giustificate dal verificarsi di terminate circostanze.

Infatti, il datore di lavoro, in base alle condizioni che si verificano è tenuto ad applicare una determinata fattispecie di licenziamento che dispone per il caso specifico, ricordando che in Italia sono previsti due tipi di licenziamento: collettivo ed individuale.

Di seguito riportiamo le diverse fattispecie di licenziamento individuale:

Licenziamento, ultimi articoli su Money.it

Si può licenziare una donna incinta?

Pubblicato il 14 ottobre 2019 alle 16:34

Licenziare una donna incinta, durante il periodo di maternità e fino al compimento di un anno del bambino è vietato. Ecco le eccezioni alla regola e cosa fare in caso di licenziamento.

Si può licenziare durante l’apprendistato?

Pubblicato il 25 settembre 2019 alle 17:07

Il licenziamento durante il periodo di apprendistato è possibile, ma è soggetto a regole differenti rispetto a quanto previsto per il contratto a tempo indeterminato. Qui tutte le informazioni a riguardo.

Si può licenziare un tirocinante?

Pubblicato il 24 settembre 2019 alle 13:06

Il tirocinio non è un vero e proprio contratto di lavoro, quindi anziché di licenziamento del tirocinante si dovrebbe parlare di interruzione anticipata. Vediamo in quali casi è possibile.

Si può licenziare una categoria protetta?

Pubblicato il 23 settembre 2019 alle 09:42

Anche le categorie protette possono essere licenziate. In quali casi e in che percentuale lo ha stabilito la Cassazione. Qui i dettagli.

Nissan, utili a picco: taglierà 12.500 posti di lavoro

Pubblicato il 25 luglio 2019 alle 16:40

Nissan taglierà 12.500 posti di lavoro in tutto il mondo entro il 2022 e ridurrà la produzione del 10%. È questa la decisione dell’azienda giapponese dopo il crollo del 98,5% dell’utile operativo attestato nel primo trimestre del 2019

|