Datore di lavoro

Il datore di lavoro è una delle parti del contratto di lavoro dipendente; è colui il quale ha alle proprie dipendenze un lavoratore subordinato.

Il datore di lavoro non è per forza una persona fisica, anzi nella maggior parte dei casi sono datori di lavoro le personalità giuridiche come imprese, società ed enti pubblici.

Ce ne sono poi altri collocati al di fuori dall’attività di impresa; ad esempio nell’ambito del lavoro domestico è datore di lavoro è la persona, o la famiglia, che assume alle proprie dipendenze una colf, oppure una baby sitter.

I poteri in capo al datore di lavoro sono:

  • direttivi;
  • vigilanza;
  • disciplinari.

Il datore di lavoro però deve sottostare anche a degli obblighi:

  • corrispondere la retribuzione, con relativi accessori, provvedendo agli obblighi previdenziali e assistenziali;
  • garantire il rispetto delle norme della sicurezza sul lavoro;
  • tutelare la privacy del lavoratore;
  • informare il lavoratore dipendente degli aspetti fondamentali del contratto, come mansione, orario di lavoro, ferie e periodo di paga.

Datore di lavoro, ultimi articoli su Money.it

Sgravio contributivo edilizia 2019: importo, durata e come fare domanda

Pubblicato il 4 dicembre 2019 alle 17:00

Sono state fornite le istruzioni operative per poter usufruire dello sgravio contributivo, per l’anno 2019, nel settore edile. La riduzione si conferma, come per gli anni passati, all’11,50%. Tutti i dettagli su come fare domanda ed importo riconosciuto.

Scarpe infortunistiche: quando sono obbligatorie?

Pubblicato il 3 dicembre 2019 alle 17:00

Le scarpe antinfortunistiche sono obbligatorie per la sicurezza dei lavoratori. La responsabilità è del datore di lavoro, ma anche i dipendenti devono seguire delle regole. Vediamo quali sono.

Google non è più il luogo di lavoro ideale

Pubblicato il 28 novembre 2019 alle 17:05

Google è stato considerato a lungo l’ambiente di lavoro ideale, ma le tensioni tra il colosso di Mountain View e i suoi dipendenti stanno ora raggiungendo un punto di rottura, tra proteste e licenziamenti. Ecco perché

|