Pensione a 62 anni per tutti: la proposta dei sindacati al Governo Conte Bis

Riforma delle pensioni: Maurizio Landini (CGIL) boccia Quota 100 e propone al Governo Conte di abbassare l’età pensionabile a 62 anni.

Pensione a 62 anni per tutti: la proposta dei sindacati al Governo Conte Bis

In attesa di ulteriori novità sulle pensioni - per le quali molto probabilmente bisognerà attendere l’inizio dei lavori del Governo per la manovra finanziaria 2020 - è interessante capire cosa si aspettano i sindacati dal Governo Conte Bis.

Nel dettaglio, è stato Maurizio Landini - segretario generale della CGIL - a fare chiarezza su quali saranno le richieste che i sindacati presenteranno al nuovo Esecutivo, soffermandosi anche su pensioni e Quota 100.

Landini, intervistato dal Quotidiano.net, ha spiegato che prima di dare un giudizio sul nuovo Governo preferisce attendere un confronto con i nuovi Ministri, auspicando che ci sia il prima possibile. Landini ha anticipato però alcune delle richieste che verranno mosse al Governo e sulla base delle quali i sindacati ne valuteranno l’operato: interventi mirati alla creazione di posti di lavoro, aumento di stipendi e pensioni tramite un taglio della tassazione, lotta all’evasione fiscale, rinnovo del contratto (ma l’aumento di stipendio dovrebbe essere detassato) e investimenti su innovazione, scuola e informazione.

Il segretario della CGIL non ha neppure nascosto che, in caso di mancato confronto, i sindacati sono pronti per una nuova stagione di mobilitazioni.

Ma concentriamoci sul tema pensioni, per il quale Landini ha espresso una sua opinione in merito alla tanto discussa Quota 100 (che il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha appena confermato) e vediamo quale dovrebbe essere, secondo il segretario generale della CGIL, la soluzione più adatta alle esigenze di tanti lavoratori.

Pensioni, la CGIL boccia Quota 100

Landini non è tra i “fan” di Quota 100; secondo il segretario, infatti, la misura introdotta dal primo Governo Conte non è ottimale dal momento che non supera quanto previsto dalla Legge Fornero. Anzi, secondo Landini Quota 100 non ha fatto altro che introdurre nuove discriminazioni tra i lavoratori, in quanto per le donne è molto difficile raggiungere il requisito contributivo minimo previsto (38 anni) per l’accesso a Quota 100.

D’altronde “quando si parla di pensioni non ci possono essere regole uguali per tutti” poiché alcune categorie - donne comprese - necessitano di un trattamento differenziato ai fini di una maggior tutela. E aggiunge:

“Chi fa lavori pesanti ed ha un’aspettativa di vita inferiore deve andare in pensione prima”.

Quindi, per i sindacati è importante andare oltre a Quota 100 (che non tiene conto di coloro che possono aver vissuto situazioni di disagio o svantaggio) in scadenza il 31 dicembre 2021, la quale dovrà essere sostituita con una “riforma più strutturale”.

Pensioni, la soluzione indicata dalla CGIL: pensione a 62 anni per tutti

Landini fissa un obiettivo piuttosto ambizioso sul tema delle pensioni: secondo il segretario della CGIL, infatti, la soluzione di flessibilità più adatta sarebbe quella di permettere ai lavoratori di andare in pensione a 62 anni, indipendentemente dal requisito contributivo.

D’altronde, ha ricordato Landini, con l’attuale sistema di calcolo contributivo della pensione il lavoratore percepisce un trattamento pensionistico pari a quanto versato nel corso della vita lavorativa. Più anticiperà l’accesso alla pensione, quindi, e più basso sarà l’assegno da lui percepito.

Nonostante quest’ultima considerazione è bene specificare che è molto difficile che ci possa essere, almeno nell’immediato, l’introduzione di una misura che consenta di andare in pensione all’età di 62 anni, abbassando, di fatto, di ben cinque anni l’età pensionabile.

Un obiettivo ambizioso che potrebbe essere utile per favorire il ricambio generazionale ma per il quale, ad oggi, non sembrano esserci i presupposti per una sua realizzazione.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Pensione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.