Domanda di disoccupazione online: nuove istruzioni Inps

Domanda di disoccupazione online: l’Inps ha comunicato che da oggi si potrà utilizzare una modalità semplificata e personalizzata per presentare la domanda di disoccupazione. Vediamo di seguito tutte le novità.

Domanda di disoccupazione online: con il comunicato stampa pubblicato il 23 febbraio 2018 l’Inps ha reso noto che è disponibile una nuova modalità semplificata e personalizzata.

I lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro potranno ora ricevere direttamente nella loro area personale un link che gli permetterà di richiedere direttamente la Naspi.

Grazie a questa nuova procedura per i suddetti lavoratori sarà inoltre più semplice rispettare i termini di scadenza fissati per la presentazione della domanda.

Vediamo di seguito nel dettaglio cosa prevede la nuova procedura semplificata avviata dall’Inps per richiedere la Naspi.

Cosa prevede la nuova procedura semplificata?

L’Inps con il comunicato stampa del 23 febbraio 2018 ha annunciato che sarà disponibile a partire da oggi una nuova modalità per presentare la domanda di disoccupazione.

L’obiettivo della nuova procedura, attuata in via sperimentale dall’Inps, è quello di semplificare e personalizzare la richiesta per la Naspi.

Infatti l’Istituto grazie ai dati disponibili nelle proprie Banche dati, individuerà tempestivamente i lavoratori dipendenti che hanno perduto involontariamente la propria occupazione e metterà a loro disposizione sul Portale www.inps.it, nell’Area MyINPS, il link per l’accesso diretto alla domanda di Naspi precompilata.

La domanda, opportunamente integrata con le informazioni in possesso dell’utente, consentirà a questi lavoratori, se in possesso di tutti i requisiti legislativamente previsti, l’accesso alla prestazione Naspi.

La nuova procedura oltre a semplificare l’accesso ai lavoratori che hanno perso involontariamente il proprio lavoro, permette loro di rispettare anche i tempi di presentazione della domanda. Infatti come è noto la Naspi deve essere presentata all’Inps entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, pena il decadimento del diritto.

Quindi grazie al link messo a disposizione dall’Istituto sarà più semplice rispettare il termine fissato per la presentazione della domanda.

Disoccupazione: oltre alla semplificazione serve più chiarezza

Al netto delle importanti misure di semplificazione, c’è un quesito che affligge molti disoccupati: si tratta dell’erogazione dell’indennità di disoccupazione. Non si sa infatti con certezza in quale giorno del mese sarà effettuato il pagamento della Naspi da parte dell’Inps.

L’unica cosa certa è che nel momento in cui la procedura di presentazione della domanda va a buon fine l’Inps provvede mensilmente al pagamento del sussidio per la disoccupazione.

L’Inps però non eroga l’assegno lo stesso giorno ogni mese ed è per questo che diventa più complicato stabilire una data esatta per la ricezione del sussidio.

Se si dovessero verificare dei ritardi nel pagamento dell’assegno di disoccupazione le motivazioni potrebbero essere diverse. Per esempio il ritardo nell’erogazione da parte dell’Istituto potrebbe dipendere dal fatto che manca la documentazione necessaria per concludere la richiesta.

Nel caso in cui il ritardo nel pagamento dovesse protrarsi nel tempo si consiglia comunque di rivolgersi all’Istituto o al patronato - tramite il quale si è presentata la domanda - al fine di non perdere il diritto alla disoccupazione.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories