Borsa Italiana Oggi, 18 gennaio 2022: Ftse Mib in rosso, il petrolio sostiene gli energetici

Luca Fiore

18/01/2022

18/01/2022 - 18:01

condividi

Seduta negativa per la Borsa Italiana oggi, 18 gennaio 2022. Sul Ftse Mib tra i pochi segni più troviamo quelli registrati dai titoli del comparto energetico, spinti dal rialzo del prezzo del petrolio su livelli che non si vedevano dal 2014. Ancora vendite su Telecom Italia.

Borsa Italiana Oggi, 18 gennaio 2022: Ftse Mib in rosso, il petrolio sostiene gli energetici

Giornata in rosso per la Borsa Italiana oggi: sul Ftse Mib tra le poche performance positive troviamo quelle dei titoli del comparto energetico, con Eni che è salita dello 0,44% e Tenaris che ha messo a segno un +2,09%.

A spingere il comparto oil è il terzo rialzo consecutivo messo a segno dal prezzo del petrolio: dopo esser salito a livelli che non si vedevano dal 2014, il future sul Brent guadagna lo 0,6% a 86,97 dollari al barile mentre, sul valutario, l’eurodollaro scende dello 0,6% a 1,13311.

Nel comparto obbligazionario, focus in particolare sul Treasury a due anni, il cui rendimento ha superato quota 1% per la prima volta dal febbraio 2020. Situazione simile per il decennale che, all’1,845% quota a livelli che non si vedevano da due anni esatti.

Sempre in tema di debito sovrano, lo spread Btp-Bund è sceso di un punto percentuale a 134 punti.

Borsa Italiana Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib, Atlantia piatta dopo maxi-acquisizione

La giornata del Ftse Mib si è chiusa a 27.483,28 punti, -0,74% sul dato precedente.

Telecom Italia (-3,2%) ha nuovamente registrato una delle performance peggiori del listino principale dopo che gli analisti di Barclays hanno ridotto il prezzo obiettivo.

Debolezza per Stellantis (-0,24%) dopo i dati sulle immatricolazioni nell’Unione europea e perfetta parità di Atlantia.

La holding ha sottoscritto con il Gruppo Siemens il contratto per l’acquisto della società Yunex Traffic, società che si occupa di Intelligent Transport Systems e d Smart Mobility, per un corrispettivo di 950 milioni di euro.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib, nuove vendite su Telecom Italia

A metà seduta il Dax scende dell’1,08%, il Cac40 registra un -1,06% ed il Ftse Mib arretra dello 0,78%.

La performance peggiore del paniere principale anche oggi è registrata da Telecom Italia (-3,43%), su cui gli analisti di Barclays hanno ridotto il prezzo obiettivo da 0,35 a 0,27 con valutazione «hold» (al momento le azioni quotano 0,4222 euro).

Rosso dello 0,54% per Stellantis: a dicembre le immatricolazioni nell’Unione europea sono scese del 22,8% e quelle della casa nata dall’integrazione di FCA e PSA hanno segnato un -25%.

Future Wall Street: prevista apertura in rosso

Chiuse ieri in occasione del Martin Luther King Day, le borse USA oggi dovrebbero iniziare le contrattazioni con il segno meno.

Al momento il derivato sul Dow Jones registra un -0,84%, quello sullo S&P500 scende dell’1,09% ed il future sul Nasdaq arretra dell’1,77%.

Borsa Italiana Oggi, aggiornamento ore 09:25: Ftse Mib, lettera sul risparmio gestito

In avvio di seduta il Ftse100 quota in calo dello 0,65%, il Dax perde l’1,2%, il Cac40 registra un -1,15% ed il Ftse Mib scambia a 27.392,66 punti (-1,07%).

Nei primi scambi spicca la debolezza dei titoli del risparmio gestito: Banca Generali segna un -2,31%, Banca Mediolanum lascia sul campo l’1,5%, il FinecoBank perde l’1,1% e Azimut l’1,39%.

In rialzo di un punto percentuale, lo spread Btp-Bund sale a 137 punti base.

Borse Asia: Nikkei chiude debole

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, registra un -0,51%, il China A50 ha chiuso con un +0,99% e l’australiano S&P/ASX 200 ha terminato con un -0,11%.

Chiusura debole per Tokyo, dove il Nikkei si è fermato a 28.257,25 punti (-0,27%).

Wall Street: ieri borsa chiusa, oggi inizia la settimana

Ieri i listini di Wall Street sono restati chiusi in occasione del Martin Luther King Day.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.