Banche centrali

Le banche centrali sono degli istituti pubblici che si occupano di gestire la politica monetaria di un Paese.
La BCE invece (Banca Centrale Europea) gestisce invece le politiche monetarie per tutti Paesi che fanno parte dell’Euro.

La prima banca centrale è nata nel 1694, Bank of England, e fu il primo istituto ad emettere banconote.
Successivamente alla Seconda Guerra Mondiale le funzioni delle banche centrali furono aumentate.

Da quel momento in poi si sarebbero occupate anche delle politiche per sostenere lo Stato, dare linfa all’occupazione e far crescere i redditi.

Il funzionamento delle politiche bancarie è di gran lunga differente e si stabilisce su due tipologie principali. Il primo modo di operare è quello della Bundesbank, la banca centrale tedesca, che è una banca centrale indipendente. Cioè il potere politico non ha la facoltà di ratificare o bloccare le decisioni da essa prese.

Dalla parte opposta c’è invece la Reserve Bank of New Zealand, che segue obiettivi fissati dal governo.

Banche centrali, ultimi articoli su Money.it

Banche centrali: i tassi bassi sono la vera cura per l’economia?

Per Giovanni Pesce, Presidente di Fugen Sicav Raif, i tassi ad un livello così basso non sono necessariamente un bene per l’economia, in quanto potrebbero avvantaggiare solo i debitori. In questo quadro, è necessario (almeno in Italia) un nuovo quadro normativo che regoli gli istituti di credito

Riunione BCE: Draghi non delude, il bazooka è carico

Anche se nella riunione di oggi il costo del denaro è stato confermato e non sono state annunciate nuove misure di stimolo, la BCE ha dato mandato per valutare un nuovo QE. Mario Draghi ha ricaricato il bazooka in vista del meeting di settembre.

Prospettive riunioni BCE e Fed: su quale asset class puntare?

Per Patrick Moonen, Principal Strategist Multi Asset di NN Investment Partners, nelle prossime riunioni di politica monetaria, BCE e Fed dovrebbero confermare il loro approccio accomodante. Il mercato però, starebbe sottovalutando i rischi per la crescita creati dalla guerra commerciale

|