Banche centrali

Le banche centrali sono degli istituti pubblici che si occupano di gestire la politica monetaria di un Paese.
La BCE invece (Banca Centrale Europea) gestisce invece le politiche monetarie per tutti Paesi che fanno parte dell’Euro.

La prima banca centrale è nata nel 1694, Bank of England, e fu il primo istituto ad emettere banconote.
Successivamente alla Seconda Guerra Mondiale le funzioni delle banche centrali furono aumentate.

Da quel momento in poi si sarebbero occupate anche delle politiche per sostenere lo Stato, dare linfa all’occupazione e far crescere i redditi.

Il funzionamento delle politiche bancarie è di gran lunga differente e si stabilisce su due tipologie principali. Il primo modo di operare è quello della Bundesbank, la banca centrale tedesca, che è una banca centrale indipendente. Cioè il potere politico non ha la facoltà di ratificare o bloccare le decisioni da essa prese.

Dalla parte opposta c’è invece la Reserve Bank of New Zealand, che segue obiettivi fissati dal governo.

Banche centrali, ultimi articoli su Money.it

Draghi boccia i Minibot. Investitori delusi da TLTRO III

Nell’ultima riunione della BCE tenutasi giovedì scorso a Vilnius, le parole di Mario Draghi seppur accomodanti hanno deluso gli investitori sul tema TLTRO III. Per quanto riguarda il tema scottante dei Minibot, il Presidente della BCE è stato chiaro: «Non credo sia buona idea»

Mercati malati e Banche centrali come Escher

Grazie agli interventi delle Banche centrali il sell off di maggio potrebbe tramutarsi in una ghiotta occasione di acquisto, con il mercato che torna a farsi forza della propria fragilità

|