Nuovi “tagli” sulle pensioni per finanziare l’abolizione della Legge Fornero

Come verrà finanziata la riforma delle pensioni promessa dal Governo 5 Stelle-Lega? L’unica soluzione possibile è quella di attuare nuovi tagli al sistema previdenziale italiano.

Nuovi “tagli” sulle pensioni per finanziare l'abolizione della Legge Fornero

Riforma delle pensioni: come finanziare Quota 100 e Quota 41? L’unico modo sembra essere quello di “tagliare” le pensioni.

Il contratto di Governo nato dall’accordo tra Lega e Movimento 5 Stelle è pronto e tra i vari provvedimenti c’è anche la riforma delle pensioni che rivedrà l’impianto generale della Legge Fornero.

Riforma che permetterà ai lavoratori di andare in pensione con circa 3 anni di anticipo rispetto a quanto avviene oggi. Alla fine, come si legge nella bozza del contratto anticipata in queste ore da Adnkronos, la soluzione individuata da Salvini e Di Maio è quella di “consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva”, estendendo quindi a tutti i lavoratori la possibilità di ricorrere alla Quota 41.

Allo stesso tempo si potrà “uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100”. Nella Quota 100 però saranno previsti dei paletti: ad esempio potranno ricorrere a questo strumento solamente i lavoratori che hanno compiuto almeno 64 anni, mentre la contribuzione figurativa non deve essere superiore ai 2 o 3 anni.

Inoltre per i lavoratori autonomi si parlerà di Quota 101, con l’innalzamento di un anno d’età o di contribuzione.

Una riforma ambiziosa ma allo stesso tempo costosa, anche perché si parla di introdurre anche una pensione di cittadinanza per coloro che vivono al di sotto della soglia di povertà. Secondo la stima fatta da Alberto Brambilla, supertecnico della Lega, infatti, cancellare la Fornero tramite l’introduzione della Quota 100 e Quota 41 costerà dai 5 ai 10 miliardi di euro l’anno.

Stime che non concordano con quelle fatte da Boeri - presidente dell’INPS - secondo il quale introdurre un meccanismo a quote per la pensione avrebbe un costo aggiuntivo di circa 15 miliardi di euro l’anno, con un’incidenza di 85 miliardi di euro sul debito pensionistico.

La domanda che tutti si fanno è in che modo sarà finanziata questa riforma e dove saranno reperite le risorse necessarie. Senza dimenticare che nel contratto di Governo ci sono altri provvedimenti onerosi, reddito di cittadinanza su tutti.

Movimento 5 Stelle e Lega sono convinte che il loro progetto si possa facilmente finanziare, ma come? Proviamo a scoprirlo analizzando quelle che sono le loro intenzioni future.

Tagli sulle pensioni

La riforma delle pensioni verrà finanziata tramite dei tagli alle stesse pensioni. Sembra un paradosso ma in realtà sarà proprio così, almeno secondo quelle che sono le intenzioni del Governo “giallo-verde”.

È stata la stessa Lega in campagna elettorale a spiegare che con l’attuazione del meccanismo a quote che porterà alla totale revisione della Legge Fornero sarà possibile abolire diversi provvedimenti attuati dagli ultimi Governi di Centrosinistra per rendere più flessibile l’uscita dal lavoro.

Circa 1 miliardo di euro, ad esempio, potrebbe essere recuperato dall’abolizione delle salvaguardie, mentre un altro miliardo (e 200mila euro) sarà recuperato eliminando l’Ape sociale e le agevolazioni per i lavoratori precoci. D’altronde con l’estensione della Quota 41 a tutti quest’ultimi non avrebbero più motivo di esistere.

Ci sono poi altre ipotesi in ballo, come ad esempio una razionalizzazione di quelle misure finalizzate al sostegno degli Over 65, strumenti che il più delle volte si sono rivelati poco efficaci e che sarebbero sostituiti da altre misure di sostegno alla povertà. Inoltre c’è la possibilità dell’estensione dell’ISEE ad ulteriori prestazioni sociali, così da ridurre la platea di beneficiari e reperire risorse per la riforma delle pensioni.

La riforma sarà finanziata anche dal taglio alle pensioni d’oro, idea condivisa tanto dalla Lega quanto dal Movimento 5 Stelle; nel dettaglio l’intenzione sembrerebbe essere quella di seguire la stessa strada tracciata per i vitalizi dei parlamentari.

Nuovo sistema di calcolo per le pensioni d’oro?

Nel dettaglio sembra che Matteo Salvini e Luigi Di Maio - appoggiati dai tecnici di Lega e Movimento 5 Stelle - vogliano provare ad intraprendere la strada delle ridefinizione in chiave contributiva degli assegni che superano una determinata soglia, come tra l’altro dovrebbe essere fatto con i vitalizi dei parlamentari.

Quindi gli assegni calcolati con sistema retributivo con importo superiore ad una determinata soglia (che dovrebbe essere di circa 5.000€) verrebbero ricalcolati con sistema contributivo, con un taglio medio di circa il 15% dell’importo.

Risorse che di conseguenza potrebbero essere riutilizzate per finanziare l’ambiziosa riforma delle pensioni promessa da Di Maio e Salvini.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Pensione

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

2 ore fa

Pensioni, Ape volontaria: primi assegni a luglio. Possibile stop con Governo Lega-M5S

Pensioni, Ape volontaria: primi assegni a luglio. Possibile stop con Governo Lega-M5S

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

10 ore fa

Quando si andrà in pensione con la riforma M5S-Lega?

Quando si andrà in pensione con la riforma M5S-Lega?

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

4 giorni fa

Pensione di cittadinanza nel contratto di Governo: come funziona e importi

Pensione di cittadinanza nel contratto di Governo: come funziona e importi

Commenta

Condividi