Lavoro: tutte le novità in arrivo nel 2021 per lavoratori e imprese

Lavoro: vediamo quali sono tutte le novità in arrivo nel 2021 per lavoratori e imprese previste nella Legge di Bilancio approvata dal Consiglio dei Ministri.

Lavoro: tutte le novità in arrivo nel 2021 per lavoratori e imprese

Lavoro: sono molte le novità in arrivo nel 2021 per lavoratori e imprese con la prossima Legge di Bilancio. La Legge di Bilancio 2021 da 40 miliardi con misure specifiche in chiave anti-Covid per il lavoro, è stata approvata salvo intese nella notte tra il 17 e il 18 ottobre dal Consiglio dei Ministri.

Ora la Manovra dovrà seguire il suo iter parlamentare e per il 20 ottobre il testo è atteso in Parlamento.

Una delle grandi novità della Legge di Bilancio 2021 è l’assegno unico per i figli under 21 che dovrebbe partire dal 1° luglio del prossimo anno e dovrebbe riguardare anche gli autonomi e liberi professionisti fino a oggi esclusi.

Novità per il lavoro riguardano lavoratori e imprese con un’estensione della cassa integrazione, blocco dei licenziamenti, ampiamente discusso, e sgravi contributivi per le aziende che assumono. Vediamo nel dettaglio quali sono tutte le novità per lavoratori e imprese dal prossimo 2021 con la Legge di Bilancio.

Lavoro, novità 2021: proroga cassa integrazione e licenziamenti

Lavoro: le prime novità per lavoratori e imprese nel 2021 in Legge di Bilancio e che destano maggiore attenzione sono legate alla cassa integrazione e al blocco dei licenziamenti.

In particolare la cassa integrazione dovrebbe subire una proroga, ma rispetto alle prime indiscrezioni cambia leggermente forma.

Dovrebbe infatti essere prevista l’estensione della cassa integrazione fino al 31 dicembre per le aziende che concluderanno le 18 settimane del decreto Agosto già a partire dal prossimo mese di novembre. Per questo vi sarà un apposito decreto legge da approvare a breve. Resterebbe il meccanismo del calo del fatturato dell’attuale cassa integrazione Covid, con CIG gratuita per le perdite di fatturato pari o superiori al 20%. Il blocco dei licenziamenti potrà proseguire fino a fine anno.

Con la Legge di Bilancio 2021 invece ci saranno 18 settimane di cassa integrazione (o 9) per il 2021, ma senza proroga del blocco dei licenziamenti. I sindacati chiedono l’estensione del blocco fino a marzo, mentre Confindustria vuole eliminarlo. La cassa integrazione del 2021 non sarà per tutti, ma solo per le aziende che hanno subito determinate perdite a causa del Covid e vale 5 miliardi.

Lavoro in Legge di Bilancio: novità assunzioni

Sempre per il lavoro nella Legge di Bilancio sono previste novità per le assunzioni con un bonus per under 35.

Le aziende che assumono giovani otterranno un esonero contributivo per tre anni. Il bonus assunzioni riguarderà tutte le aziende d’Italia e sarà pertanto universale.

Per finanziare il bonus assunzioni in Legge di Bilancio 2021 sono stati stanziati 700 milioni di euro e che corrispondono a 6mila euro annui di risparmio per le aziende. La misura si affianza al bonus assunzioni al Sud del decreto Agosto: lo sgravio contributivo del 30% dovrebbe costare 5 miliardi.

Previsto il Legge di Bilancio anche l’accesso semplificato ad alcune professioni.

Sembra anche confermato per il 2021 il taglio del cuneo fiscale per i redditi che vanno dai 28mila ai 40mila euro.

Sempre con la Legge di Bilancio 2021 sembra che verranno stanziati 4 miliardi di euro per prorogare i contratti a termine di tutto il personale sanitario, medici e infermieri sempre per l’emergenza Covid.

Non solo, sempre sul piano delle assunzioni, le novità in Legge di Bilancio 2021 arrivano con 1,2 miliardi di euro per 25mila insegnanti di sostegno.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories