Lavoro: tutte le novità in arrivo nel 2021 per lavoratori e imprese

Lavoro: dal bonus assunzioni alla cassa integrazione, passando per il blocco dei licenziamenti e la proroga dei contratti a termine. Ecco tutte le novità nel 2021 per lavoratori e imprese nella Legge di Bilancio.

Lavoro: tutte le novità in arrivo nel 2021 per lavoratori e imprese

Lavoro: novità in arrivo nel 2021 con la prossima Legge di Bilancio attualmente in bozza per lavoratori e imprese.

Il pacchetto del Lavoro della Legge di Bilancio 2021 è abbastanza corposo e tra le tante novità per lavoratori e imprese troviamo le già annunciate 12 settimane di cassa integrazione che vanno ad aggiungersi alle 6 del decreto Ristori.

Le settimane di cassa integrazione poi, stando alla bozza del Legge di Bilancio, presentano un’ulteriore novità in termini di fruizione. Inoltre viene prorogato anche il blocco dei licenziamenti e anche il rinnovo dei contratti a termine senza causale Covid.

Per le imprese sono previsti incentivi per le assunzioni di giovani e per l’occupazione al Sud, la decontribuzione al 30%, misura quest’ultima già prevista dal decreto Agosto.

Vediamo nel dettaglio, stando alla bozza della Legge di Bilancio 2021, quali sono tutte le novità in materia di Lavoro per imprese e lavoratori per il prossimo anno.

Lavoro, novità 2021: proroga cassa integrazione e licenziamenti

Lavoro: le prime novità per lavoratori e imprese nel 2021 in Legge di Bilancio e che destano maggiore attenzione sono legate alla cassa integrazione e al blocco dei licenziamenti.

Per la cassa integrazione è prevista la già annunciata proroga di 12 settimane; la stessa andrà di pari passo con la proroga del blocco dei licenziamenti. Il decreto Ristori ha introdotto 6 settimane di cassa integrazione dal 16 novembre al 31 gennaio 2021 cui si andranno ad aggiungere le 12 settimane in più della Legge di Bilancio 2021.

Anche il blocco dei licenziamenti è stato prorogato fino a fine gennaio e con la Manovra andrà anche oltre. La novità con la Legge di Bilancio 2021 come si legge all’articolo 49 della bozza riguarda una differenziazione tra cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa in deroga per la fruizione del trattamento.

Il testo nel pacchetto dedicato alle novità per il lavoro stabilisce che le 12 settimane di cassa integrazione devono essere collocate nel periodo tra il 1° gennaio 2021 e il 31 marzo 2021 per i trattamenti di Cassa integrazione ordinaria, e nel periodo ricompreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021 per i trattamenti di Assegno ordinario e di Cassa integrazione in deroga.

Non solo, sarebbe previsto l’esonero contributivo di 8 settimane per i datori di lavoro privati, a esclusione del settore agricolo, che rinunciano alle 12 settimane di cassa integrazione da fruire entro il 31 marzo 2021.

Novità anche per gli operai agricoli con la proroga del trattamento di CISOA per una durata massima pari a ulteriori i 90 giornate da fruire nel periodo ricompreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021.

La novità da sempre discussa nell’ambito del lavoro riguarda il blocco dei licenziamenti che viene prorogato fino alla fine della fruizione della nuova cassa integrazione, ma solo fino al 31 marzo 2021.

Lavoro in Legge di Bilancio 2021: novità assunzioni

Sempre per il lavoro nella Legge di Bilancio sono previste novità per le assunzioni con un bonus per under 35. L’articolo che lo introduce è il 5 - Incentivo occupazione giovani della bozza della Legge di Bilancio 2021 nel Titolo II - Riduzione della pressione fiscale e contributiva.

Le aziende che assumono giovani otterranno un esonero contributivo per 3 anni, nel limite massimo d’importo pari a 6.000 euro, con riferimento ai soggetti che alla data della prima assunzione incentivata ai sensi del presente articolo non abbiano compiuto il trentaseiesimo anno di età.

Il bonus assunzioni, sempre come esonero contributivo al 100 percento, è riconosciuto per un periodo massimo di 4 anni, ai datori di lavoro privati che effettuino assunzioni in una sede o unità produttiva ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna. Ancora non sono disponibili nel testo in bozza le indicazioni specifiche sulla decotribuzione Sud.

L’esonero contributivo spetta ai datori di lavoro che non abbiano proceduto nei 6 mesi precedenti l’assunzione, né procedano nei 9 mesi successivi alla stessa, a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo (motivazioni economiche) o anche a licenziamenti collettivi, ai sensi della legge 23 luglio 1991, n. 223, nei confronti di lavoratori inquadrati con la medesima qualifica nella stessa unità produttiva.

L’articolo 6 della Legge di Bilancio conferma anche per il 2021 l’esonero al 100 percento, ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche e per un periodo massimo di 24 mesi, “dell’accredito contributivo presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, con riferimento alle nuove iscrizioni nella previdenza agricola dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali (IAP) di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 99/2004, con età inferiore a quarant’anni.”

Proroga rinnovo contratti a termine senza causale

Altra novità della Legge di Bilancio 2021 in materia di Lavoro riguarda la proroga del rinnovo dei contratti a termine che può avvenire senza causale fino al 31 marzo 2021.

L’articolo 42 della Legge di Bilancio 2021 in bozza stabilisce che venga sostituito il comma 1 dell’articolo 93 del decreto-legge n. 34/2020, il decreto Rilancio, e che, in conseguenza dell’emergenza Covid, fino al 31 marzo 2021 sia possibile rinnovare o prorogare, per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta, i contratti di lavoro subordinato a tempo determinato anche in deroga alle disposizioni sul numero massimo delle proroghe e sulla durata massima di 36 mesi di cui all’articolo 21 e 19 del decreto legislativo n. 81/2015.

Per conferme sulle novità per imprese e lavoratori con le nuove disposizioni sul Lavoro per il prossimo anno occorre attendere il testo ufficiale della Legge di Bilancio 2021.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1742 voti

VOTA ORA