Emirates-Etihad: nasce la compagnia aerea più grande al mondo?

Prende corpo l’ipotesi di un’unione tra le due compagnie aeree, spinta dalla ben più forte Emirates. L’operazione darebbe vita al primo vettore al mondo

Emirates-Etihad: nasce la compagnia aerea più grande al mondo?

Emirates sta facendo sempre più pressioni per acquisire la vicina Etihad.

È quanto rivelato da Bloomberg, che si è affidato a quattro diverse fonti per recuperare dettagli su un’operazione che darebbe vita alla prima compagnia aerea al mondo per traffico passeggeri.

Le società - entrambe degli Emirati Arabi Uniti - stanno attraversando fasi completamente opposte: Emirates dopo una forte sofferenza ha fatto registrare un aumento dell’utile di due terzi e sembra in netta ripresa, mentre Etihad ha ristretto molto le sue attività a seguito di diversi investimenti sbagliati, e ora la sua flotta equivale a un terzo di quella di Emirates.

Da sempre rivali, le due compagnie potrebbero essere in grado di formare un valore di mercato di 20 miliardi di dollari, superando anche i numeri del colosso dei cieli American Airlines.

Emirates-Etihad: sta nascendo la compagnia numero uno al mondo?

I negoziati sarebbero a una fase iniziale, anche se per il momento entrambe le compagnie hanno negato la circostanza.

Secondo Bloomberg, Emirates acquisirebbe la maggior parte delle attività di Etihad. Ma è certo è che qualsiasi accordo richiederebbe l’approvazione dei sovrani degli Emirati Arabi Uniti.

Le due compagnie sono già state al centro di un’ipotesi di deal lo scorso maggio. Ma il Presidente degli Emirati Al Maktoum e il Presidente di Emirates Tim Clark hanno ridimensionato entrambi la cosa, passando la palla agli azionisti e, nella sostanza, negando ogni tipo di contatto concreto.

L’unione delle compagnie potrebbe dare un’ulteriore conferma delle volontà di espansione degli sceicchi del Paese, che stanno mirando a un generale consolidamento delle imprese per aumentare la competitività a livello internazionale.

Qualche anno fa infatti diverse società di Abu Dhabi e Dubai hanno dato vita a Emirates Global Aluminum, uno dei maggiori produttori di alluminio al mondo.

Emirates è stata rapida a rimettersi in piedi subito dopo il rimbalzo del prezzo del petrolio, portando l’utile netto ad aumentare di due terzi, mentre Etihad ha assistito al fallimento di diversi investimenti realizzati in ottica espansiva.

Circostanza che ha portato il nuovo amministratore delegato, Tony Douglas, ad abbandonare le rotte più deboli e ridurre la flotta, così da tagliare i costi e aumentare entrate e flusso di cassa. Malgrado questo, la società è in perdita e secondo le stime potrebbe continuare a esserlo almeno fino al 2022.

L’unione Emirates-Etihad porterebbe alla nascita del più grande vettore del mondo.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.