Concorso Forze Armate: bando per 7.000 militari in Gazzetta Ufficiale

Maxi-concorso per l’arruolamento nell’Esercito italiano pubblicato in Gazzetta Ufficiale: bando per 7.000 volontari, ecco chi potrà partecipare.

Concorso Forze Armate: bando per 7.000 militari in Gazzetta Ufficiale

Concorso Forze Armate: annunciato il reclutamento di 7.000 militari - nel ruolo di volontari in ferma prefissata di un anno - per il 2020.

Il bando di concorso, nel quale sono svelate le date dei reclutamenti e i requisiti per partecipare, ci dà quindi indicazioni su qual è il contingente di militari che il Ministero della Difesa intende reclutare nell’Esercito italiano nel prossimo anno.

È in arrivo un’importante opportunità di lavoro per tutti quei giovani che desiderano avviare una carriera nelle Forze Armate tutte; l’esperienza come volontari, infatti, oltre a dare la possibilità di affermarsi facendo carriera nell’Esercito (anche se nei prossimi anni i posti da stabilizzare potrebbero essere sempre meno) consente anche di beneficiare di alcune agevolazioni (sia sul titolo di studio che sul limite di età) nei concorsi per le altre Forze dell’Ordine.

Arruolarsi come volontari partecipando ai prossimi concorsi banditi dall’Esercito italiano potrebbe quindi rappresentare una svolta per il proprio futuro professionale; un’eventualità che possono prendere in considerazione anche coloro che hanno la sola licenza media, visto che per diventare militare non è necessario il diploma di scuola superiore.

Ma vediamo nel dettaglio quali saranno le fasi di reclutamento nell’Esercito (facendo chiarezza sul contingente previsto per ciascuna) e da quali procedure è costituita la selezione; il tutto, ovviamente, senza dimenticare i requisiti che i candidati dovranno avere per prendere parte al nuovo maxi-concorso nelle Forze Armate.

Maxi-concorso Esercito italiano: le date

Il reclutamento dei 7.000 volontari nell’Esercito italiano, come confermato dal bando appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, avverrà in più date. Nel dettaglio, come da consuetudine, il maxi concorso sarà diviso in quattro blocchi:

  • 1° blocco, arruolamento a giugno 2020: 1.750 posti. La domanda di partecipazione potrà essere inviata tra il 19 novembre (quindi già dal prossimi martedì) e il 18 dicembre 2019;
  • 2° blocco, arruolamento a settembre 2020: 1.750 posti. La domanda di partecipazione potrà essere inviata tra il 24 febbraio e il 24 marzo 2020;
  • 3° blocco, arruolamento a dicembre 2020: 1.750 posti. La domanda di partecipazione potrà essere inviata tra il 19 maggio e il 17 giugno 2020;
  • 4° blocco, arruolamento marzo 2021: 1.750 posti. La domanda potrà essere inviata tra il 2 settembre e il 1° ottobre 2020.

È ammesso l’invio della domanda (potete candidarvi cliccando qui) per più blocchi; l’importante è aver maturato, entro la data di invio della candidatura, i requisiti previsti.

Maxi concorso Esercito italiano: chi può partecipare

I requisiti indicati dal bando di concorso pubblicato in Gazzetta Ufficiale sono i seguenti:

  • cittadinanza italiana;
  • età superiore a 18 anni e non superiore ai 25 anni;
  • titolo di studio: licenza media.

Oltre a questi sono previsti i soliti requisiti validi per la partecipazione ai concorsi pubblici; ad esempio, non bisogna essere stati condannati per delitti non colposi, o non essere stati sottoposti a misure di prevenzione.

Maxi-concorso per 7.000 militari: come funziona

Dopo la fase di inoltro delle domande e lo svolgimento degli accertamenti (di competenza del CSRNE e della DGPM) ci sarà la valutazione dei titoli di merito per la formazione delle graduatorie.

Non sono previste, infatti, prove scritte o orali per la formazione delle graduatorie di merito. Successivamente coloro che rientrano nel limite di posti previsti vengono convocati presso i centri di selezione per lo svolgimento delle prove di efficienza fisica (trazioni alla sbarra; piegamenti sulle braccia; flessioni addominali; corsa piana 2.000 metri) e l’accertamento dei requisiti di idoneità psico-fisica e attitudinale.

In caso di idoneità si viene inclusi nelle definitive graduatorie di merito - che devono essere approvate dalla DGPM - a cui segue l’assegnazione ai Reggimenti addestrativi.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \