Dipendenti pubblici

I dipendenti pubblici sono quei soggetti che esercitano la propria attività lavorativa presso enti della Pubblica Amministrazione.

Per poter accedere al pubblico impiego è necessario partecipare e superare un concorso pubblico in base a quanto stabilito dalle leggi statali.

Il rapporto di lavoro pubblico si ha quando il lavoratore presta la propria attività in modo continuato e dietro pagamento di una retribuzione (elemento della reciprocità).

Il rapporto di lavoro nel pubblico impiego deve essere:

  • volontario (per la costituzione del rapporto lavorativo è richiesta la volontà del dipendente e dell’amministrazione);
  • personale (capacità intellettive e fiducia nella persona del dipendente sono fondamentali per il lavoro in questo ambito);
  • subordinato (la prestazione lavorativa si svolge alle dipendenze dell’amministrazione pubblica).

Le norme che regolano il rapporto di lavoro pubblico sono, in seguito alle privatizzazioni del 1993, racchiuse nel Codice Civile, anche se qualche deroga per materia e categoria è racchiusa nel D.lgs. 165/2001.

Dal 2012 i dipendenti pubblici possono usufruire di un portale, NoiPa, al fine di consultare telematicamente la propria documentazione (cedolino stipendiale; Mod. 730; CUD; gestione presenze/assenze; etc).

Per approfondimenti leggi anche le guide:

Dipendenti pubblici, ultimi articoli su Money.it

Quanto durerà lo smart working?

Pubblicato il 2 ottobre 2020 alle 11:16

Con la proroga imminente dello stato di emergenza si allungano i tempi dello smart working nel settore pubblico e privato. Secondo le previsioni, il lavoro agile durerà fino a gennaio.

Il dipendente può rifiutare lo smart working?

Pubblicato il 25 settembre 2020 alle 12:02

Che succede se il dipendente rifiuta di lavorare in smart working? È un suo diritto oppure è obbligato a lavorare da casa? Cosa prevede la legge.

|