Chi è Jon Ossof? Biografia e idee del “nuovo Obama” che fa sognare i democratici americani

icon calendar icon person
Chi è Jon Ossof? Biografia e idee del “nuovo Obama” che fa sognare i democratici americani

Chi è Jon Ossof? Biografia e idee del giovane politico che sta per strappare un seggio in Georgia ai repubblicani, tanto da venire considerato tra i democratici il “nuovo Obama”.

Chi è Jon Ossof? Biografia e idee del giovane politico americano, che è vicino a strappare ai repubblicani il sesto distretto della Georgia da sempre feudo conservatore, tanto da essere etichettato dai democratici come il “nuovo Obama”.

Si chiama Jonathan Ossof la nuova speranza del Partito Democratico americano. A trent’anni appena compiuti, il giovane politico infatti è molto vicino al suo approdo alla Camera dei rappresentanti.

Dopo aver sfiorato la vittoria al primo turno, a separare Jon Ossof dal diventare deputato c’è soltanto il ballottaggio, potendo contare sull’appoggio dell’intero Partito Democratico e di una buona parte delle star di Hollywood.

Chi è allora Jon Ossof, questo giovane politico che ha riacceso le speranze del popolo democratico? Scopriamo di più su di lui, sulle sue idee e perché una sua eventuale vittoria al ballottaggio potrebbe dare molto fastidio a Donald Trump.

Chi è Jon Ossof? La biografia e il voto in Georgia

Chi è Jon Ossof è la domanda che si sono posti gli americani quando hanno visto crescere l’attenzione dei media riguardo il voto nel sesto distretto della Georgia. Dopo la nomina del repubblicano Tom Price come nuovo ministro della Sanità nel governo Trump, si è reso necessaria di fatti una nuova votazione nel collegio per determinare il suo sostituto.

Se la parte repubblicana si è presentata più divisa che mai, con ben 11 candidati in lizza, i democratici invece hanno sostenuto in maniera compatta la corsa di Ossof come ammaliati dal carisma di questo giovane ragazzo.

Nato ad Atlanta il 16 febbraio del 1987, a trent’anni appena compiuti Jon Ossof è sotto i riflettori in questo momento di tutto il mondo. Figlio di una immigrata australiana e di un russo di origini ebraiche, l’uomo del momento nel panorama politico americano ha compiuto i suoi studi nella Georgetown University.

Dopo aver conseguito un master a Londra, Ossof negli ultimi cinque anni è stato assistente del deputato democratico Hank Johnson. Oltre a questo incarico, ha anche realizzato un documentario investigativo sulle atrocità commesse dall’Isis in Iraq.

Dopo l’esperienza come assistente, ecco quindi che Jon Ossof decide di correre in prima persona nelle elezioni del 19 aprile, dove il sesto distretto della Georgia è stato chiamato ad eleggere di nuovo il proprio deputato.

Al primo turno Ossof ha sfiorato l’impresa della vittoria al primo turno, ottenendo il 48,1% delle preferenze. Il prossimo 20 giugno quindi dovrà affrontare il ballottaggio contro Karen Hadel, la prima tra i candidati repubblicani che ha ottenuto il 19,7%.

Un exploit quello di Jon Ossof che ha riacceso le speranze dei democratici americani, tanto che non sono pochi quelli che vedono in lui una figura simile a quella di Barack Obama e che potrebbe essere in grado di sconfiggere Donald Trump alle prossime presidenziali.

Chi è Jon Ossof? L’importanza del voto in Georgia

L’ottimo risultato ottenuto da Jon Ossof nel voto in Georgia assume significati molto più ampi. Per prima cosa, dopo la debacle della Clinton, il Partito Democratico sembrerebbe aver trovato un volto fresco e apprezzato su cui poter contare.

La posizione di Ossof su temi come la sanità, l’aborto e l’immigrazione piacciono molto all’ala più a sinistra del partito, mentre le idee economiche più di stampo liberista non dispiacciono alla parte più moderata dei democratici.

Jon Ossof quindi potrebbe essere la giusta sintesi tra Sanders e la Clinton, con la giovane età e il grande carisma che sono altri punti a favore per una sua possibile futura corsa alle primarie democratiche per determinare lo sfidante di Trump.

Altro dettaglio da non trascurare, è quello che in questa campagna elettorale Ossof è riuscito a raccogliere ben 8,3 milioni di dollari, provenienti per il 95% da fuori la Georgia, segno questo di come tutto il paese creda in questo ragazzo.

Una vittoria di Jon Ossof in Georgia sarebbe un pericoloso campanello d’allarme per Donald Trump. Il sesto distretto è da sempre un feudo repubblicano, essendo abitato in prevalenza dalla borghesia bianca.

Una sconfitta dei repubblicani significherebbe come, a soli tre mesi dall’insediamento di Donald Trump, una parte dell’elettorato già si sarebbe pentito di aver votato lo scorso novembre in favore del tycoon.

Un successo di Jon Ossof quindi il prossimo 20 giugno indebolirebbe la figura di Donald Trump, oltre che andrebbe a spianare la strada a un avversario molto pericoloso in ottica delle prossime elezioni presidenziali.

Chiudi [X]