Borsa Milano oggi, 9 novembre 2020: il vaccino mette il turbo al Ftse Mib, rendimento Btp ai minimi

La Borsa di Milano oggi, 9 novembre 2020, ha iniziato la settimana in rally in scia dell’annuncio che il vaccino di Pfizer è efficace al 90%. Sul Ftse Mib, rally delle banche. Rendimento Btp ai minimi storici, spread ancora in contrazione.

Borsa Milano oggi, 9 novembre 2020: il vaccino mette il turbo al Ftse Mib, rendimento Btp ai minimi

La Borsa di Milano oggi, 9 novembre 2020, ha iniziato la settimana in rally (il Ftse Mib si è riportato a 20.700 punti), in scia dell’annuncio relativo il vaccino per il Coronavirus fatto dalla statunitense Pfizer.

Già positive per la vittoria di Biden, le piazze finanziarie sono balzate al rialzo dopo che il presidente del colosso a stelle e strisce, Albert Bourla, ha annunciato che il vaccino contro il Coronavirus, realizzato con la tedesca BioNTech, è efficace al 90% (le stime erano per tasso al 60-75%).

In corrispondenza della chiusure delle borse europee, l’eurodollaro arretra di mezzo punto percentuale a 1,18095 (-0,53%) mentre un barile di Brent con consegna gennaio 2021 segna un rally del 7,7% a 42,5 dollari.

Borsa Milano oggi, aggiornamento ore 17:40: vaccino Pfizer mette le ali al Ftse Mib

In chiusura, il Ftse Mib si è fermato a 20.750,18 punti, +5,43% rispetto al dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania ha perso mezzo punto percentuale a 123 punti base.

In scia della decisione dell’agenzia Moody’s di confermare il rating della Repubblica Italiana a “Baa3” con prospettive “stabili", il rendimento dei nostri decennali ha aggiornato il minimo storico scendendo allo 0,572%.

A Piazza Affari i rialzi maggiori sono stati registrati dai titoli del comparto industriale e dai bancari: tra i primi segnaliamo Leonardo e Pirelli (+16,27 e +14,22 per cento) mentre tra i secondi spicca il 14,17% di BPER, il 13,72% di UniCredit ed il +9,22% di Intesa Sanpaolo.

Il balzo del greggio ha permesso ad Eni di chiudere con un 12,78% ed a Tenaris di segnare un +9,54%.

Giornata da dimenticare per Diasorin (-16,5%). Salite di oltre 100 punti percentuali rispetto ai minimi di marzo, le azioni DIA sono state tra le poche ad essere penalizzate dall’arrivo del vaccino di Pfizer poiché la spinta propulsiva negli ultimi mesi è arrivata proprio dai test per la diagnosi del Covid-19.

Incremento del 5,1% per STMicroelectronics dopo l’incremento delle stime da parte di Infineon e +49,8% delle azioni dell’AS Roma in scia del fallimento dell’Opa di Friedkin.

Piazza Affari, aggiornamento ore 13: Ftse Mib a 20.500 mila punti, rendimento Btp ai minimi storici

A Milano il paniere principale, il Ftse Mib guadagna il 5%, il Dax il 5,55% ed il Cac40 il 6,1%.

Lo spread Italia-Germania perde 4 punti percentuali a 118 punti base, con il rendimento dei nostri decennali che ha registrato un nuovo minimo storico allo 0,572%.

Venerdì l’agenzia Moody’s ha confermato il rating della Repubblica Italiana a “Baa3” con prospettive “stabili”.

Sul Ftse Mib, BPER guadagna il 9,2%, Unicredit l’8,14% e Intesa Sanpaolo il 6,94%.

Incremento di oltre il 4% per STMicroelectronics dopo l’incremento delle stime da parte di Infineon.

Future Wall Street: prevista apertura in rally

A un’ora e mezza dell’avvio delle contrattazioni, il derivato sul Dow Jones registra un +2,64%, quello sullo S&P500 avanza del 2,5% e il future sul Nasdaq sale del 2,17%.

Piazza Affari, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib torna sopra 20 mila punti, STMicroelectronics in rally

A Milano il paniere principale, il Ftse Mib, nei primi scambi della seduta di oggi, 9 novembre 2020, quota 20.039,98 punti, +1,82% rispetto al dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania perde un punto e mezzo percentuale a 122 punti base.

Primi scambi in rialzo anche per il Dax (+1,89%), per il Cac40 (+1,47%) e per il Ftse100 (+1,58%).

A Piazza Affari spicca il +4% di STMicroelectronics dopo l’incremento delle stime da parte di Infineon mentre Saipem guadagna il 3,9%.

Avvio in positivo anche per Buzzi Unicem (+1,36%) che ha chiuso i primi nove mesi con ricavi in calo dello 0,6%.

Sul completo, rally dell’AS Roma (+9,31%) dopo il fallimento dell’Opa di Friedkin.

Borse asiatiche: forti acquisti in avvio di settimana

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng segna un +1,14%, il China A50 ha terminato con un +1,62% ed il Nikkei ha chiuso con un +2,12%.

Giornata di shopping anche per l’australiano S&P/ASX 200 (+1,75%).

Wall Street chiude la settimana in parità

In attesa del responso elettorale, il Dow Jones ha chiuso la settimana con un -0,24% mentre S&P500 e Nasdaq hanno terminato piatti (-0,03 e +0,04%).

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories