Supplenze 2016/2017: nomine, deleghe e sanzioni. Tutte le info del Miur

Supplenze 2016/2017: è stata emanata la circolare del Miur al riguardo e sono state rese note tutte le informazioni sulle supplenze dell’anno che sta per iniziare.

Il nuovo anno scolastico 2016/2017 si contraddistingue ancora una volta per l’alta richiesta di supplenze. Il Concorso a cattedra non sembra infatti aver ottenuto dei grandi risultati e le problematiche per l’anno scolastico saranno risolte con le supplenze.
Le supplenze per l’anno 2016/2017 sia per i docenti che per il personale Ata sono state quindi regolamentate da una circolare che ne chiarisce tutti i punti.

Dopo la notizia di ieri sullo stipendio arrivano adesso le direttive per le nomine, le sanzioni e le deleghe per le supplenze dell’anno in arrivo. Nella circolare vengono fornite informazioni e chiarimenti su tutti gli aspetti che riguardano l’anno scolastico che sta per iniziare.

Di seguito troverete tutte le informazioni di cui avete bisogno per l’anno 2016/2017 riguardo alle supplenze, in che modo delegare e come si svolgeranno le assegnazioni per questo anno. Inoltre alleghiamo il comunicato ufficiale del Miur per chi volesse leggere i chiarimenti in ogni loro dettaglio.

Supplenze 2016/2017: come fare la delega

L’articolo 3 comma 2 del DM n.131/07 decreta che i docenti impossibilitati a presentarsi di persona il giorno delle nomine possano essere sostituiti da una persona di fiducia. La delega potrà essere utilizzata sia per l’Ufficio territoriale che per la successiva presentazione di fronte al preside della scuola di riferimento.

La persona delegata dovrà presentarsi nel giorno della convocazione munita di un documento di riconoscimento, la fotocopia del documento del delegante e del documento che attesti che il docente chiamato ha delegato una persona di fiducia essendo impossibilitato a recarsi nell’ufficio il giorno della convocazione.
I docenti e il personale ATA potranno entrambi usufruire di questa delega e in caso non avessero una persona di fiducia potranno delegare il Dirigente responsabile delle operazioni.

In questo secondo caso si potrà inviare tutta la documentazione tramite fax o pec, in modo che gli ufficio scolastici territoriali abbiano i documenti con anticipo.

Supplenze 2016/2017: le nomine dei supplenti dopo la chiamata diretta?

Se il Governo voleva cambiare il sistema scolastico con la chiamata diretta dobbiamo dire che non è riuscito nel suo intento. Anche quest’anno infatti i posti vacanti a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico sono tantissimi e verranno occupati con le supplenze.
Quindi le grandi critiche che sono state mosse al nuovo sistema di assunzioni possono essere giustificate.

Anche per questo anno scolastico comunque si procederà con lo scorrimento della graduatoria. Le chiamate per le supplenze dell’anno 2016/2017 avverranno come ogni volta fino ad esaurimento delle posizioni vacanti.

Supplenze 2016/2017: quali sanzioni per chi non accetta?

Anche le sanzioni rimangono le stesse dell’anno passato e quindi le stesse penalizzazioni che avvengono per ogni anno scolastico. I docenti o il personale ATA che non accetteranno la supplenza, non si presenteranno il giorno di inizio del servizio o non porteranno a termine la supplenze non verranno poi riconvocati per altre supplenze.

Si potrà effettuare la rinuncia senza incorrere nelle sanzioni solo se si declinerà una proposta breve a favore di una che si estenda fino alla fine dell’anno scolastico 2016/2017. Altrimenti il proprio nominativo, sebbene collocato in posizione utile per un altro incarico, non verrà preso in esame per altri posti vacanti.

Nella circolare si fa poi esplicito riferimento ai docenti collocati in graduatoria dopo i provvedimenti del Consiglio di Stato. Coloro che saranno in posizione utile da ottenere una cattedra saranno chiamati solo ed esclusivamente per le proposte a tempo determinato. Per maggiori informazioni al riguardo vi consigliamo di leggere la circolare ufficiale che si trova alla fine dell’articolo.

Per maggiori info sui posti di sostegno leggi ancheInsegnanti di sostegno: corsi di formazione per la continuità didattica

Supplenze 2016/2017: brevi o con spezzoni di orari pari o inferiori a 6 ore

Per le supplenze brevi nella circolare ufficiale emanata dal Miur si legge che:

  • non è possibile per il Dirigente scolastico chiamare un altro supplente per il primo giorno di assenza del docente che ha ottenuto la supplenza breve;
  • non è possibile avere contratti per supplenze brevi sui posti di potenziamento, a meno che non il docente non svolga anche ore su cattedra;
  • le supplenze fino a 10 giorni di assenza verranno effettuate mediante sostituzioni con docenti di organico di autonomia.

Per le supplenze di ore pari o inferiori a 6 invece non rientrano tra le disponibilità provinciali e che queste disponibilità di ore non coperte vengono attribuite dalla scuola. Gli istituti daranno le ore ai seguenti docenti:

  • coloro che hanno contratto a tempo determinato con titolo a completamento di orario;
  • a coloro che hanno contratto con orario pieno fino ad raggiungere massimo 24 ore settimanali per docente. Verranno assegnate le ore prima agli insegnanti con contratto a tempo indeterminato e poi a coloro che hanno il contratto determinato;
  • tramite graduatorie d’istituto ai supplenti.

Di seguito vi alleghiamo la circolare completa del Ministero dell’istruzione, che è stata emanata in data odierna.

Argomenti:

Scuola Insegnanti MIUR

Iscriviti alla newsletter

Money Stories