Goldman Sachs: maxi-multa per scandalo 1MDB, ma il titolo guadagna in Borsa

Goldman Sachs ha ammesso la sua colpevolezza nello scandalo 1MDB e ora dovrà pagare circa 6 miliardi di dollari di multa. Intanto il titolo guadagna a Wall Street.

Goldman Sachs: maxi-multa per scandalo 1MDB, ma il titolo guadagna in Borsa

Goldman Sachs ha ammesso la propria colpevolezza al tribunale di New York nello scandalo riguardante la vendita di bond del fondo sovrano 1MDB (1Malaysia Development Berhad).

Un affare illecito avvenuto tra il 2012 e il 2013 per un totale di 6,5 miliardi di dollari, finiti per gran parte nelle tasche private del consulente Jho Low, grazie anche agli aiuti di alcuni top manager della stessa Goldman Sachs.

I legali del colosso finanziario hanno riconosciuto che la loro filiale in Malesia è stata responsabile di violazioni del Foreign Corrupt Practices Act, avendo versato tangenti ai funzionari di governo del Paese asiatico.

Goldman Sachs, maxi-multa per scandalo 1MDB

Avendo trasgredito le leggi federali sull’anti-corruzione, la società di Wall Street ha patteggiato una maxi-multa di 2,9 miliardi di dollari da pagare alle autorità americane, i quali si aggiungono ai 2,5 miliardi già versati in estate al governo di Kuala Lumpur.

Inoltre, dovranno essere sborsati anche 350 milioni di dollari all’autorità di vigilanza di Hong Kong, 122 milioni di dollari al governo di Singapore e 126 milioni di dollari alla Financial Conduct Authority del Regno Unito.

Una somma totale che sfiora i 6 miliardi di dollari, pari a otto mesi di profitto della banca d’affari newyorkese.

Chiesti i risarcimenti ai propri dirigenti

Per versare la cifra monstre, Goldman Sachs ha quindi deciso di recuperare una parte dei soldi attraverso un risarcimento da esercitare nei confronti dei propri vecchi e attuali dirigenti coinvolti nel caso (o non sufficientemente attenti nei controlli), tramite una trattenuta su vecchi premi e i bonus futuri.

Quattro degli attuali manager subiranno una sanzione totale di 31 milioni di dollari, circa un terzo di quanto sono stati pagati nel 2019, mentre non è ancora definito quanto dovranno versare gli ex vertici ora in pensione o impegnati in un nuovo lavoro.

Gli azionisti dovranno invece sostenere la maggior parte del costo finanziario, vedendo quindi ridotti i dividendi per quest’anno.

Il titolo guadagna a Wall Street

Nonostante questo e il fatto che si tratti della multa più alta nella storia riguardo ad illeciti di questo tipo, le azioni Goldman Sachs hanno guadagnato l’1,2% nella sessione di giovedì.

Un paradosso che può essere spiegato con il fatto che le conseguenze sarebbero potute essere ancora più gravi, rischiando anche di farle perdere definitivamente i propri clienti istituzionali.

Così, nonostante siano stati bruciati otto mesi di profitti, Goldman Sachs è riuscita a mettere in salvo la propria esistenza mantenendo intatti gli altri affari finanziari in cui è coinvolta e conservando i propri investitori.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories