Borsa Italiana Oggi, 3 febbraio 2022: Ftse Mib, il nuovo corso della BCE spinge le banche

Luca Fiore

03/02/2022

03/02/2022 - 18:06

condividi

La Borsa Italiana oggi, 3 febbraio 2022, ha chiuso in rosso dopo il responso del meeting della BCE. Sul Ftse Mib, l’intonazione da «falco» dell’istituto centrale ha spinto i titoli del comparto bancario. Segno più per il prezzo del petrolio all’indomani della decisione dell’Opec+.

Borsa Italiana Oggi, 3 febbraio 2022: Ftse Mib, il nuovo corso della BCE spinge le banche

Chiusura in rosso per la Borsa Italiana oggi: sul Ftse Mib spiccano le performance del comparto bancario con UniCredit in aumento del 2,31%, BPER Banca che ha chiuso con un +1,96%, Banco BPM ha segnato un +1,74% ed Intesa Sanpaolo un +1,15%.

A spingere gli istituti di credito è stato l’atteggiamento emerso dal meeting della BCE: se fino all’ultima riunione Christine Lagarde & Co. avevano fermamente negato di voler alzare i tassi nell’anno corrente, da oggi siamo ufficialmente nel territorio in cui si valuteranno i dati e si deciderà sul da farsi.

In calendario anche la riunione della Bank of England che, dopo aver fatto da apripista a dicembre (quando il tasso benchmark è stato incrementato dallo 0,1 allo 0,25%), ha varato un nuovo rialzo allo 0,5%.

Il giorno dopo la decisione dell’Opec+ di incrementare la produzione di 400 mila barili giornalieri anche a marzo, il future sul Brent sale di mezzo punto percentuale a 89,9 dollari al barile mentre sul valutario l’eurodollaro avanza dell’1,2% a 1,1436.

Borsa Italiana Oggi, aggiornamento ore 17:45: Ftse Mib a 27 mila punti

La giornata del Ftse Mib si è chiusa in rosso dell’1,09% a 27.088,96 punti.

Dal fronte titoli di Stato, il nuovo contesto delineato dalla BCE ha fatto salire lo spread Btp-Bund del 6,5% a 146 punti base.

Aggiornamento ore 12:55: Ftse Mib, banche in ordine sparso

In corrispondenza del giro di boa il Cac40 perde lo 0,4%, il Dax lo 0,48% ed il Ftse Mib lo 0,36%.

Nel comparto bancario, Banco BPM sale dello 0,38% mentre l’accoppiata formata da UniCredit e da Intesa Sanpaolo arretra rispettivamente dello 0,39 e dello 0,17 per cento.

Future Wall Street in deciso calo

In attesa che, alle 15:30, inizino le contrattazioni a Wall Street, il future sul Dow Jones registra un calo dello 0,45%, quello sullo S&P500 perde l’1,26% ed il derivato sul Nasdaq scende del 2,3%.

Nel pre-mercato il titolo Meta, che ieri ha presentato risultati e stime, quota in rosso di oltre 20 punti percentuali.

Aggiornamento ore 09:25: Ftse Mib, banche sopra la parità

In avvio di seduta il Ftse100 segna un +0,26%, il Cac40 avanza dello 0,09%, il Dax lascia sul campo lo 0,36% ed il Ftse Mib scende dello 0,22% a 27.328,92 punti.

Sul paniere principale il comparto bancario quota sopra la parità con il +0,54% di UniCredit, il +0,1% di Intesa Sanpaolo ed il +0,2% di Banco BPM.

Parità per Saipem (-0,04%) dopo i rumor sui piani di ristrutturazione al vaglio di CDP ed Eni (-0,25%).

Dal fronte titoli di Stato, rosso di un punto percentuale per lo spread Btp-Bund a 135 punti base.

Borse Asia: torna il segno meno su Tokyo

L’australiano S&P/ASX 200 ha terminato con un -0,14% mentre a Tokyo il Nikkei si è fermato a 27.241,31 punti, -1,06% sul dato precedente.

Wall Street: indici tutti in positivo

Il Dow Jones ha chiuso la giornata con un +0,63%, lo S&P500 ha evidenziato un +0,94% ed il Nasdaq ha terminato con un +0,5%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.