BCE

BCE

La Banca Centrale Europea (BCE o ECB in inglese, European Central Bank) è la banca centrale incaricata dell’attuazione della politica monetaria per i diciannove paesi dell’Unione Europea che hanno aderito all’euro e che formano la cosiddetta Eurozona.

È stata istituita in base al Trattato sull’Unione europea e allo statuto del sistema europeo di banche centrali e della Banca Centrale Europea, il 1° giugno 1998. Nel 1999 sono stati sanciti irrevocabilmente i tassi di conversione delle monete nazionali rispetto all’euro.

La BCE può emanare decisioni e formulare raccomandazioni e pareri non vincolanti. Deve inoltre essere consultata dalle altre istituzioni dell’Unione per progetti di modifica dei trattati che riguardino il settore monetario, oltre che per ogni atto dell’Unione riguardante materie di sua competenza.

La politica monetaria della BCE si applica ai seguenti paesi: Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna.

L’attuale presidente della BCE è l’italiano Mario Draghi.

BCE, ultimi articoli su Money.it

Zona Euro: stime BCE troppo ottimistiche?

“Una minoranza significativa” all’interno del board della BCE ritiene che non assisteremo a un rimbalzo dell’economia di Eurolandia nel corso della seconda parte dell’anno. A dirlo è l’agenzia Reuters.

Borse: i tre fattori che sosterranno il rialzo

Il rinnovato atteggiamento degli istituti centrali, gli accordi Usa-Cina in dirittura d’arrivo e il posticipo della Brexit ad ottobre sono fattori positivi che potranno contribuire ad una prosecuzione del rialzo delle Borse. L’unico rischio all’orizzonte potrebbe essere quello dell’inizio di un conflitto commerciale tra Usa ed Europa

Riunione BCE del 10 aprile: ecco cosa ha detto Mario Draghi

Come da attese, l’istituto guidato da Mario Draghi ha confermato il costo del denaro e ribadito che non sarà toccato nell’anno corrente. Vediamo quali sono stati i 5 punti salienti toccati dal chairman nel corso della sua conferenza stampa.

Banche italiane in attesa della BCE. Ecco quali monitorare

Analisti ed investitori oggi saranno tutti concentrati sulla conferenza stampa di Mario Draghi. L’obiettivo è quello di carpire maggiori dettagli sul terzo round di TLTRO atteso per settembre. Gli istituti di credito potrebbero inoltre beneficiare dalla diminuzione degli oneri finanziari sulla liquidità in eccesso depositata a Francoforte

Agenda macro 10 aprile: occhi puntati sulle banche centrali

Oggi sarà una giornata ricca sul fronte delle rilevazioni macroeconomiche. In particolare, oggi gli operatori saranno concentrati su numerose rilevazioni in arrivo da Francia, Italia, Regno Unito e Usa. Attenzione anche agli appuntamenti con Fed e BCE

BCE: cosa aspettarsi dalla riunione di domani?

Gli investitori non si attendono indicazioni particolari dopo che, nel precedente meeting di marzo, l’istituto di Francoforte ha ufficializzato il terzo round di TLTRO. La pausa nel processo di normalizzazione potrebbe protrarsi e i tassi a breve sono ben ancorati. Ecco i commenti di alcuni analisti e gestori

|