BCE

BCE

La Banca centrale europea (BCE o ECB - European Central Bank ) è la Banca centrale incaricata dell’attuazione della politica monetaria per i diciassette paesi dell’Unione europea che hanno aderito all’euro e che formano la cosiddetta «Zona euro».

È stata istituita in base al Trattato sull’Unione europea e allo «statuto del sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea», il 1º giugno 1998. Nel 1999 sono stati sanciti irrevocabilmente i tassi di conversione delle monete nazionali rispetto all’euro.

La BCE può emanare decisioni e formulare raccomandazioni e pareri non vincolanti. Deve inoltre essere consultata dalle altre istituzioni dell’Unione per progetti di modifica dei trattati che riguardino il settore monetario, oltre che per ogni atto dell’Unione riguardante materie di sua competenza.

La politica monetaria della BCE si applica ai seguenti paesi: Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna.

BCE, ultimi articoli su Money.it

Bce, verso una nuova fase sempre più dipendente dal ciclo economico

Durante la conferenza stampa di giovedì scorso il presidente della Bce Mario Draghi ha lasciato aperta ogni opzione di intervento senza fornire indicazioni se queste saranno o meno un nuovo Qe o una nuova Tltro. La politica monetaria della banca centrale dovrà stare al passo con i futuri dati economici

Per Draghi l’euro ci ha salvati

Il presidente della Bce, Draghi, si è espresso sulla politica monetaria europea durante l’inaugurazione dell’anno accademico 2018/2019 al Sant’Anna di Pisa.

Mercati: ecco i quattro temi caldi della prossima settimana

Quella che inizia il prossimo 17 dicembre si preannuncia una settimana particolarmente ricca di appuntamenti. Dopo il meeting della BCE, sarà la volta del terzetto formato da Fed, BoE e BoJ. Sotto i riflettori anche le trattative per l’accordo sulla Brexit e quelle relative il bilancio italiano.

Eur/Usd: la situazione tecnica nel giorno della BCE

Il quadro tecnico dell’euro-dollaro denota un certo nervosismo degli operatori. A tal proposito una chiusura odierna al di sopra di 1,1426 fornirebbe indicazioni circa una possibile prosecuzione del rimbalzo

|