BCE

BCE

La Banca Centrale Europea (BCE o ECB in inglese, European Central Bank) è la banca centrale incaricata dell’attuazione della politica monetaria per i diciannove paesi dell’Unione Europea che hanno aderito all’euro e che formano la cosiddetta Eurozona.

È stata istituita in base al Trattato sull’Unione europea e allo statuto del sistema europeo di banche centrali e della Banca Centrale Europea, il 1° giugno 1998. Nel 1999 sono stati sanciti irrevocabilmente i tassi di conversione delle monete nazionali rispetto all’euro.

La BCE può emanare decisioni e formulare raccomandazioni e pareri non vincolanti. Deve inoltre essere consultata dalle altre istituzioni dell’Unione per progetti di modifica dei trattati che riguardino il settore monetario, oltre che per ogni atto dell’Unione riguardante materie di sua competenza.

La politica monetaria della BCE si applica ai seguenti paesi: Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna.

L’attuale presidente della BCE è l’italiano Mario Draghi.

BCE, ultimi articoli su Money.it

BCE: il bazooka arriva già a settembre?

Secondo le dichiarazioni del chairman della Banca di Finlandia e membro del board della BCE, Olli Rehn, a settembre potrebbero essere annunciate nuove misure a sostegno dell’economia del Vecchio Continente

Banche centrali: i tassi bassi sono la vera cura per l’economia?

Per Giovanni Pesce, Presidente di Fugen Sicav Raif, i tassi ad un livello così basso non sono necessariamente un bene per l’economia, in quanto potrebbero avvantaggiare solo i debitori. In questo quadro, è necessario (almeno in Italia) un nuovo quadro normativo che regoli gli istituti di credito

|