Lavoro dipendente

Il lavoro dipendente, o più precisamente lavoro subordinato, è quel rapporto con il quale una persona cede, in modo continuativo, il proprio tempo ed energie ad un datore di lavoro in cambio di una retribuzione monetaria.

Il lavoro subordinato è la forma di lavoro più diffusa al mondo ed è regolato o da un contratto di lavoro firmato dal dipendente e dal datore di lavoro.

La disciplina sul contratto di lavoro è contenuta principalmente nel codice civile italiano, ma ci sono molte categorie di lavoratori subordinati per i quali le norme sono stabilite dal Contratto Nazionale del Lavoro.

Questo è un tipo di contratto stipulato a livello nazionale tra le OO.SS. dei dipendenti e dei datori di lavoro in seguito ad una contrattazione collettiva.
Nel contratto devono essere definite:

  • mansioni;
  • orario di lavoro;
  • luogo di lavoro;
  • retribuzione.

Ci sono lavoratori dipendenti sia nel campo privato che in quello pubblico. Al lavoratore subordinato, invece, si oppone la figura di conduttore dell’attività di impresa, come ad esempio:

  • imprenditore;
  • lavoratore autonomo;
  • amministratore delegato.

A sua volta il conduttore dell’attività di impresa può stipulare un contratto per l’assunzione di un lavoratore subordinato. In quel caso sarà il suo datore di lavoro.

Lavoro dipendente, ultimi articoli su Money.it

Si può licenziare per un post su Facebook?

Isabella Policarpio

13 Aprile 2021 - 16:35

Si può licenziare per un post su Facebook?

Perdere il lavoro a causa di un post su Facebook è possibile e quando? Che tipo di licenziamento comporta un tweet o commento contro l’azienda e il datore di lavoro? Cosa dice la legge.

Bonus assunzioni giovani 2021: a chi spetta per 4 anni? La circolare INPS

Teresa Maddonni

13 Aprile 2021 - 11:26

Bonus assunzioni giovani 2021: a chi spetta per 4 anni? La circolare INPS

Bonus assunzioni giovani 2021: la misura è stata introdotta dalla Legge di Bilancio 2021, ma solo per alcuni datori di lavoro dura 4 anni. Vediamo tutte le indicazioni fornite da INPS nella circolare n.56 del 12 aprile, quali sono le condizioni e quanto spetta.